Seguici su

Cerca nel sito

ABTevere vincola vaste porzioni del territorio. Il Comune: “Atto unilaterale. Contesteremo”

Montino - Di Genesio Pagliuca: "Atto unilaterale, non sono state recepite le nostre osservazioni di merito"

ABTevere vincola vaste porzioni del territorio. Il Comune: “Atto unilaterale. Contesteremo”

Il Faro on line – “Il comitato tecnico dell’Autorità di Bacino del Fiume Tevere ha approvato, nella riunione di ieri, il decreto 57, portando a compimento le indicazioni contenute nel decreto 42”. Lo dichiara l’assessore alla pianificazione del territorio, Ezio di Genesio Pagliuca.

“In sostanza l’ABTevere ha ridefinito le aree allagabili nella zona fociale del fiume Tevere, corsi d’acqua secondari e rete canali di bonifica nel territorio di Roma Capitale e Comune di Fiumicino, stabilendo il vincolo totale su vaste porzioni del nostro territorio e l’impossibilità di effettuare qualsiasi tipo di intervento. Tutto questo nonostante osservazioni accurate sulla base di studi puntuali e meticolosi presentati all’Autorità di Bacino da questa Amministrazione e il voto contrario della Regione Lazio. Il tutto è stato portato a compimento sulla base di una mappatura riguardante il perimetro di Roma Capitale applicata per analogia e senza alcun approfondimento sul nostro territorio. E questo nonostante avevamo più volte chiesto che fosse la stessa Autorità di Bacino a presentarci uno studio accurato – conclude Di Genesio Pagliuca – sulla criticità idraulica del nostro Comune.

“Siamo davanti a un atto di prepotenza, un provvedimento che riteniamo sbagliato sia nella forma che nei contenuti e che avrà conseguenze pesantissime anche in termini di entrate sulla finanza del nostro Comune – dichiara il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino – Ovviamente contesteremo in tutte le sedi deputate quanto determinato dall’ABTevere. Nei prossimi giorni, non appena avremo gli atti relativi al provvedimento, valuteremo e renderemo note le azioni che abbiamo intenzione di intraprendere – conclude Montino – a tutela del nostro Comune e della cittadinanza”.