Seguici su

Cerca nel sito

Il Comune di #Fondi si schiera a fianco dei comitati dei pendolari

In questi giorni si stanno lamentando forti disagi derivanti della rimodulazione degli orari Trenitalia sulla linea ferroviaria F17 Roma-Latina-Formia

Il Comune di #Fondi si schiera a fianco dei comitati dei pendolari

Il Faro on line – Dopo aver ascoltato le rimostranze del comitato pendolari di Fondi – che si associano alle analoghe proteste delle rappresentanze dei Comuni di Campodimele, Lenola, Monte San Biagio, Sperlonga e Terracina, oltre a quelli del sud pontino – il Sindaco Salvatore De Meo ha scritto al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e all’Assessore regionale alla Mobilità Michele Civita per rappresentare come le nuove disposizioni in vigore dall’11 Dicembre scorso risultino essere fortemente penalizzanti per i viaggiatori del centro-sud pontino, residenti in un territorio che si estende dalla costa fino all’entroterra.

“La Regione Lazio – scrive De Meo – aveva manifestato la volontà di pervenire ad un’ottimizzazione del servizio ferroviario da Roma verso le province ma a conti fatti il nuovo orario, definito “sperimentale” e previsto fino al Giugno 2017, non è per niente migliorativo”.
Sono stati infatti soppressi i treni delle 15.56, 16.56, 18.56, 19.56 e 20.56 in partenza da Roma Termini, trasformati in regionali veloci con fermate esclusivamente a Latina e Formia, così penalizzando tutta l’utenza intermedia della nostra provincia; è stato eliminato il treno delle 7.58 per Roma Termini, in una fascia oraria particolarmente affollata; è stato inoltre eliminato il treno delle 9.56 per Roma Termini, determinando in tal modo un intervallo di ben 2h dal treno delle 9.17 a quello delle 11.18; è stato infine eliminato un treno da Roma Termini nella fascia oraria successiva alle 21.00, costringendo i viaggiatori ad attendere l’ultimo treno in partenza da Roma programmato alle ore 23.06. Si pensi che chi per lavoro deve recarsi quotidianamente a Pomezia vede ridursi drasticamente da 13 a 4 i treni regionali di competenza della Regione Lazio che percorrono la tratta Minturno/Formia – Roma in entrambe le direzioni nelle fasce orarie interessate dai pendolari, costringendo di conseguenza i viaggiatori ad effettuare il cambio treno nella stazione di Latina, con un’attesa aggiuntiva di circa mezz’ora nel caso in cui non si verifichino ritardi che si ripercuoterebbero a cascata su tutta la linea…

A ciò si aggiunge lo spostamento del capolinea F17 da Minturno a Formia, che obbligherà prevalentemente all’uso del mezzo di trasporto privato da numerosi Comuni verso la stazione più servita, sulla quale gravano però i maggiori problemi di mobilità, traffico e carenza di posti auto.
“Come è facile riscontrare – evidenzia il Sindaco di Fondi nella nota – i nuovi provvedimenti stanno incidendo negativamente sulle condizioni di trasporto di migliaia di viaggiatori, determinando maggiori attese nelle stazioni di partenza e arrivo e disagi di affollamento, cui non sarà sufficiente far fronte neppure con un ampliamento del numero di carrozze per ciascun treno”.

De Meo ha dunque chiesto alla Regione Lazio di sospendere l’attivazione dei nuovi orari ripristinando il precedente servizio, al fine di venire incontro alle esigenze dei viaggiatori ed in specie di chi quotidianamente è obbligato ad usufruire del treno per motivi di lavoro o studio.
Il Sindaco di Fondi ha inoltre auspicato di avere l’opportunità di un incontro con il Presidente Zingaretti e l’Assessore Civita per analizzare congiuntamente le problematiche rappresentate. L’Assessore ai Trasporti del Comune di Fondi Roberta Muccitelli parteciperà comunque ad un incontro in Regione unitamente ai Sindaci di numerosi Comuni pontini.