Seguici su

Cerca nel sito

Unipomezia, Pestrin: “Tornato per portare la mia esperienza”

Il centrocampista é da poco tornato a vestire la maglia dell’Unipomezia

Più informazioni su

Unipomezia, Pestrin: “Tornato per portare la mia esperienza”
Il Faro on line – Quello di Ivan Pestrin è stato senza dubbio un gradito ritorno in casa Unipomezia. Il centrocampista, mente della squadra che lo scorso anno ha trionfato nel girone C di Promozione, tornerà lì nel mezzo con la maglia dei pometini per portare esperienza e tranquillità al gruppo. Pestrin commenta così il suo ritorno nella società di Valter Valle: “C’eravamo lasciati solamente per problemi lavorativi personali, che mi impedivano di allenarmi alle 15.00. Ora però sono riuscito a trovare il modo di superare questo inconveniente e quindi non appena il presidente mi ha contattato non ci ho messo troppo tempo a rispondere presente”.

Dopo una settimana di allenamento il centrocampista si è già fatto un’idea sulla qualità del gruppo: “La squadra è molto forte a livello tecnico. Purtroppo i risultati dipendono da tantissimi fattori e nella prima fase di stagione non sono arrivati. La qualità però c’è. I giovani mi hanno sorpreso in positivo ed ora starà a noi più grandi il compito di stimolarli nel giusto modo, trasmettendo loro quella cattiveria agonistica che serve per vincere”. Una notizia che ha sorpreso in settimana è quella del ritorno in campo di Emanuele Morelli, che ad agosto aveva appeso gli scarpini al chiodo per intraprendere la carriera da direttore.

“Il bomber è carico – commenta Pestrin – ad inizio stagione aveva scelto di smettere ma ora che il gruppo ha bisogno di giocatori di esperienza lui non ha esitato un secondo a rimettersi in gioco. Morelli, così come me ed altri, puntiamo a dare una mano a livello caratteriale e comportamentale. Questo serve alla squadra, dato che dal punto di vista tecnico e qualitativo i ragazzi non hanno nulla da invidiare agli altri”.

Per concludere, il centrocampista parla della prossima gara con l’Arce: “Dobbiamo capire che il fatto che ci chiamiamo Unipomezia o che arriviamo alle partita con il completo, non ci porta a vincere le partite. Per conquistare i tre punti bisogna sacrificarsi per questa maglia, lottare su ogni pallone. Se pensiamo di essere migliori degli altri prima di scendere in campo rischiamo solo di fare brutte figure”.

Più informazioni su