Seguici su

Cerca nel sito

Dicembre, tempo di bilanci. Il Comune di #Fiumicino fa il punto sulle opere per la città: “Fatto moltissimo, ma non basta”

Resta aperto il nodo della viabilità, punto cruciale ancora pieno di criticità. Soddisfazione per l’adeguamento delle reti idriche, per la cultura e le ciclabili

Dicembre, tempo di bilanci. Il Comune di #Fiumicino fa il punto sulle opere per la città: “Fatto moltissimo, ma non basta”

Il Faro on line – Dicembre: tempo di bilanci e di progetti per il futuro. Puntuale all’appuntamento l’amministrazione comunale si è presentata all’hotel Golden Tulip per un confronto diretto con i cittadini, durante il quale sono state presentate le opere pubbliche che l’amministrazione targata Montino ha realizzato in questi tre anni di governo e i progetti che saranno messi in cantiere nel futuro.
Il Sindaco, insieme all’assessore ai Lavori Pubblici Angelo Caroccia e al dirigente comunale Alessandro Di Silvestre, ha illustrato ai presenti i lavori già completati, quelli in corso d’opera e quelli in programma, mantenendo alta l’attenzione sul tema, più che mai centrale, della viabilità, con particolare riferimento al nuovo Ponte della Scafa: “Occorre riprendere in mano l’opera del nuovo ponte, per migliorare la viabilità con Ostia, altrimenti, per via del cantiere ancora bloccato, si rischia di perdere il finanziamento. La sostituzione del Ponte 2 Giugno e i futuri adeguamenti dell’Anas da soli non bastano”.

Il cantiere del nuovo Ponte della Scafa, già appaltato e finanziato, è infatti ancora bloccato dalla Sovrintendenza per le indagini sui reperti archeologici affiorati durante i lavori di scavo. Ma non è stata solo la viabilità a farsi protagonista dell’incontro. Tanti gli argomenti, che hanno spaziato in tutte le direzioni, dalla scuola con i lavori di manutenzione e l’inaugurazione della nuova alule, all’illuminazione pubblica con i led e il risparmio energetico, passando per il dissesto idrogeologico e l’erosione costiera. In un Comune vasto come quello di Fiumicino, dove molte e di diverso genere sono le problematiche, tutti i punti all’ordine del giorno hanno ricevuto la dovuta attenzione.
Si è parlato quindi di mobilità alternativa e delle piste ciclabili realizzate in questi anni dall’amministrazione, che punta a completare nel quinquennio un tracciato di 24 km, di potenziamento delle retei idriche e fognarie con particolare attenzione a quelle località, come Aranova, dove da tempo la questione acqua potabile aspettava una soluzione.

E, ancora, sono stati posti al centro dell’attenzione il restyling del centro storico, i progetti per la nuova viabilità, in accordo con Anas, i servizi per gli anziani, il ripascimento delle spiagge, il potenziamento delle rete elettriche, previsto da Enel, e dei collegamenti con la stazione di Fiumicino aeroporto.
Un pomeriggio a tutto campo, quindi, durante il quale l’amministrazione comunale ha giocato a carte scoperte, senza nascondere che se molto è stato fatto, se molti cantieri sono stati aperti e tante criticità sono state risolte, molto altro resta ancora da fare, da completare, da chiudere: a dirci da quale lato andrà a pendere il piatto della bilancia, però, saranno solo i fatti e tutto quello che lo staff Montino sarà in grado di realizzare nei prossimi due, ultimi e cruciali, anni di governo.

Cambia il Ponte 2 giugno

Urgenti e indifferibili i lavori per l’ammodernamento del ponte 2 Giugno: le rotture, frequenti in questi ultimi mesi, e i disagi conseguenti testimoniano come l’intervento sulla struttura sia più che mai necessario.
Ultimate le prove di carico, dal 2 gennaio si parte: gli operai della ditta incaricata lavoreranno dodici ore al giorno, sette giorni su sei, per ridurre al minimo i tempi di chiusura e i conseguenti disagi.
Al termine dei lavori verrà restituito alla cittadinanza non solo un ponte più moderno e più efficiente, ma dotato anche di carreggiate più ampie, per uno scorrimento più fluido del traffico veicolare, e di due passerelle laterali dedicate ai pedoni e alle biciclette, che consentiranno – finalmente – il transito anche ai portatori di handicap.

16 nuove aule in 3 anni

16 nuove aule in tre anni: è un bilancio positivo quello presentato dall’Amministrazione comunale. E un’estate interamente dedicata a lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria che hanno interessato le 49 scuole del territorio: nuovi infissi, tinteggiature, rimodulazione degli spazi, revisione degli impianti idrici e di riscaldamento, scale di emergenza, e molto altro ancora.
Inoltre un cantiere finalmente rimesso in moto: quello dell’asilo di via Coni Zugna, che dal crollo del solaio nel febbraio 2015 ha subito alterne vicissitudini e lungaggini burocratiche, ma che finalmente – è il caso di dirlo – ha riaperto i battenti. Fervono i lavori quindi per il nuovo nido che offrirà il prossimo anno ai piccoli residenti di Fiumicino 60 nuovi posti e una mensa nuova di zecca.

Nuovo stile per il centro

Nuovo stile per il “salotto buono” di Fiumicino. Sono in stato di avanzamento i lavori di restyling che stanno interessando via Torre Clementina e tutto il centro storico della città. Già la nuova viabilità ha consentito in questi ultimi mesi una riduzione del traffico veicolare che nelle ore di punta congestionava la zona fino ad immobilizzarla, fornendo inoltre più parcheggi, ma anche più spazio per gli eventi e per la vita sociale. Il primo step di un progetto che prevede, con nuovi arredi urbani, marciapiedi e alberature e la realizzazione di una nuova piazza all’altezza della passerella, la restituzione della giusta centralità al borgo del Valadier e la riqualificazione degli spazi urbani adiacenti, con il recupero dell’identità, ma anche dell’immagine della città stessa.

Due nuovi svincoli al nord

Due nuovi svincoli, con rotonde e messa in sicurezza degli accessi, da realizzare sull’Aurelia per Aranova al km 23 e al km 25, un tratto di Aurelia bis presso l’abitato di Torrimpietra, uno svincolo per migliorare l’accesso da e per l’aeroporto, con il progetto cargo City. Insieme agli interventi di riasfaltatura e di restyling delle strade comunali, il 2016 sembra essere stato, per la viabilità, l’anno della svolta, grazie alla convenzione stipulata tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Anas, Regione Lazio e Comune, accordo che punta a potenziare la viabilità, soprattutto nei suoi punti più critici, mettendo a disposizione dell’amministrazione anche un servizio di progettazione Anas, che dedicherà particolare attenzione anche al sottopasso della fossa Traianea.