Seguici su

Cerca nel sito

@RegioneLazio, Santori: “Favori e prebende da Zingaretti nelle spese di comunicazione”

Spunta anche la vergogna in cui il presidente della Regione partecipa ai funerali delle vittime di Amatrice pagando in affidamento diretto un service televisivo

@RegioneLazio, Santori: “Favori e prebende da Zingaretti nelle spese di comunicazione”

Il Faro on line – “Scarsa trasparenza, aggiramento delle procedure di spesa, favoritismi come quelli elargiti a Legambiente e lobby Lgbt, sino alla vergogna in cui il presidente della Regione partecipa ai funerali delle vittime di Amatrice pagando in affidamento diretto un service televisivo affinché faccia la riprese per il maxischermo. Nelle spese del 2016 per comunicazione e immagine, c’è la sintesi di come Nicola Zingaretti ha governato sino ad oggi il Lazio, puntando tutto sull’apparenza e sull’uso disinvolto selle risorse regionali per costruire il network delle amicizie”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia rispetto alle spese per la comunicazione per l’anno 2016 pari a 1 milione 776mila euro risultanti dal Bilancio regionale.

Meravigliano poi le risorse, ben 150mila euro, che la Regione ha riservato alla controllata Lazio Innova per la realizzazione di una generica attività del Progetto di comunicazione istituzionale 2016. E ancora, ben 80mila euro per l’associazione Gay Help Line, così da tenersi nelle grazie la potente lobby Lgbt. Per non parlare dell’assurdo finanziamento di 6mila euro a Legambiente, nella sua XXVIII edizione del festival nazionale a Grosseto. Oltre alle prebende, vogliamo andare fino in fondo e vederci chiaro sull’affidamento a Lazio Innova, presentando immediatamente un accesso agli atti per conoscere obiettivi e beneficiari dei 150 mila, riservandoci di spedire tutte le carte all’Anticorruzione affinché vigili sulla correttezza delle procedure di spesa adottate. Soldi mal spesi, scelte familistiche e obiettivi non documentati, rendono l’immagine del presidente sempre più opaca. Il milione e oltre 700 mila euro spesi in questo modo gridano vendetta di fronte a una regione con il record di cassaintegrati e nuovi poveri” conclude Santori.