Seguici su

Cerca nel sito

#Ostia, i socialisti: “I cittadini devono poter scegliere”

Il segretario Assogna: "Il bilancio del periodo di Commissariamento del X Municipio è da considerarsi negativo"

#Ostia, i socialisti: “I cittadini devono poter scegliere”

Il Faro on line – “E’ fuor di dubbio che il bilancio del periodo di Commissariamento del X Municipio, prima del Dott. Sabella e poi del Dott. Vulpiani, è da considerarsi estremamente negativo in quanto le buche sulle strade sono aumentate, gli spazi verdi sono sempre più abbandonati, gli edifici scolastici colpevolmente trascurati, molteplici bandi pubblici ritardati e sbagliati  e di conseguenza sospesi e anche revocati con danni allo stesso bilancio Comunale per i mancati introiti”. A parlare è Gioacchino Assogna Segretario Psi del X Municipio.

“Ogni settore – prosegue – risulta penalizzato, dai trasporti con interruzioni e ritardi dei treni, dalla pulizia e raccolta dei rifiuti con giorni e giorni di mancati ritiri, nelle autorizzazioni delle attività economiche e Commerciali bloccate dal mancato rilascio dei Certificati Antimafia, e nel restringimento dei servizi pubblici con l’assurda riduzione ad un giorno la settimana delle pratiche per il Suolo Pubblico.

Invece di ridare impulso alle iniziative del territorio, totalmente assenti quelle pubbliche, si sono create difficoltà in quelle di iniziativa associativa e privata.

Non possiamo accettare l’ulteriore vergognosa penalizzazione già colpita pesantemente con l’illegale e infondato “Marchio infamante di Ostia Mafiosa”– aggiunge il segretario Assogna – , che con il nuovo e arbitrario Decreto di proroga di altri 6 mesi di Commissariamento, supera persino il periodo massimo di 24 mesi previsto dalle leggi in casi eccezionali di presenza per Mafia.

Si è volutamente accreditato che le attività chiaramente di stampo malavitoso fossero scambiate per attività Mafiosa, quando tutti sanno che i gruppi malavitosi di Ostia sono dediti al Raket e alla Droga, senza mai partecipare ai bandi di lavori pubblici come normalmente avviene per le realtà a controllo mafioso.

I fatti evidenziati dalle relazioni Prefettizie e dagli stessi Magistrati hanno riguardato gli affari con Buzzi e Carminati di Mafia Capitale che riguardavano i soldi Comunali per i lavori di pulizia delle Spiagge del 2014 e quelli di potatura sulla Via Cristoforo Colombo, da cui sono stati arrestati il Presidente PD del Municipio, insieme agli affaristi della Destra e la rimozione di tutti i Dirigenti all’epoca in Servizio.

Questa inaudita proroga di 6 mesi di Commissariamento, chiaramente viziata sul piano giuridico, è stata assunta dal Governo sotto la spinta del PD per spostare in avanti il momento elettorale e infatti è stato l’unico a complimentarsi per la decisione, –  sottolinea Gioacchino Assogna che ha indotto la stessa Presidenza della Repubblica e il suo Staff a non rendersi conto che anche senza tale proroga andava oltre i 24 mesi previsti solo in caso di motivi “eccezionali”.

Avvertiamo la necessità che questa protesta sia di carattere popolare e generale ma rendendo chiaro che bisogna costruire anche una coalizione distinta dalle forze della Destra per essere un valido punto di riferimento per le volontà di rinnovamento, di trasparenza e di progresso del nostro territorio – conclude il segretario Psi del X municipio – con iniziative di approfondimento e di proposte per il rilancio vero sia sul piano economico, che di civile partecipazione in un quadro di sostegno e trasparenza delle strutture pubbliche”.

Martedì 10 gennaio, alle ore 18, alla sala teatrale “Andrea Costa” ad Ostia Antica , Via Cardinal Cibo n.4, è stata dunque convocata una riunione per parlare delle ulteriori iniziative da sviluppare per “tenere alta la pressione dei cittadini contro l’inaudito ed ennesimo affronto che impedisce ai cittadini di Ostia e del X Municipio di scegliersi i propri Amministratori, dopo oltre 18 mesi di aggravamento delle condizioni del nostro territorio. La riunione è aperta a tutti coloro che sono interessati ad approfondire tali problemi e quelli politici più generali”.