Seguici su

Cerca nel sito

Pioggia di soldi sull’aeroporto. L’Enac pubblica lo “Stato di attivazione degli investimenti” di settore

Destinati per Fiumicino e Ciampino impegni di spesa pari a1,75 miliardi di euro. Per il da Vinci previste infrastrutture di volo verso Nord, interventi al Terminal a Sud

Più informazioni su

Pioggia di soldi sull’aeroporto. L’Enac pubblica lo “Stato di attivazione degli investimenti” di settore

Il Faro on line – Nel settore aeroportuale sono programmati, per i prossimi 5 anni, finanziamenti di opere pari a 4,2 miliardi di euro. Lo riferisce l’Enac nell’aggiornamento sullo stato di attuazione degli investimenti aeroportuali in Italia pubblicato sul proprio sito.
Il documento fotografa lo stato di attuazione degli investimenti effettuati dalle società di gestione degli aeroporti fino a fine 2016 e riporta anche quelli programmati per il prossimo quinquennio, come previsto nei contratti di programma stipulati tra l’Enac e le singole società. Il rapporto evidenzia, dice l’Enac, “il buono stato di attuazione della pianificazione approvata, con un comportamento trainante dei tre principali sistemi aeroportuali italiani che nel 2016, in alcuni casi, hanno investito più di quanto preventivato”. Per i prossimi 5 anni, in particolare, a Fiumicino è previsto un investimento di circa 1,75 miliardi, sugli scali di Milano Linate e Milano Malpensa di 579 milioni e sull’Aeroporto Venezia Tessera di 533 milioni.

La fetta più grossa degli investimenti previsti toccherà agli aeroporti di Roma, Fiumicino e Ciampino. A Fiumicino, in particolare, saranno destinati 1,75 miliardi: di questi, 532 milioni verranno utilizzati per interventi nelle infrastrutture di volo di Fiumicino Nord e 438 milioni per la voce “Interventi Terminal Fiumicino Sud”. Per ristrutturazioni e manutenzioni verranno spesi 377 milioni. A Ciampino, invece, toccheranno 41 milioni. I 579 milioni degli scali milanesi saranno suddivisi in 313 milioni per Linate e 266 per Malpensa. La voce più consistente per Linate sono i 100 milioni relativi al Master Plan, mentre a Malpensa si spenderanno 41 milioni per il Terminal 1, 45 milioni per attrezzature varie e 43 milioni per attrezzature di volo. Passando infine all’aeroporto di Venezia Tessera, le due voci più ‘pesanti’ sono quella relativa al Terminal (194 milioni) e quella delle infrastrutture di volo (120 milioni).

“Il raddoppio? Non serve”

Da giorni la pista aeroportuale parallela a via Coccia di Morto è ferma per manutenzione, eppure lo scalo Leonardo da Vinci è perfettamente in grado di operare”. Lo affermano i consiglieri comunali Massimiliano Chiodi e Erica Antonelli, rispettivamente presidente e membro della Commissione Ambiente del Comune di Fiumicino. “E’ la dimostrazione – proseguono – che il buon funzionamento non passa per il raddoppio del sedime, che come dimostrano i fatti non serve, ma bastano alcune operazioni di razionalizzazione e efficientamento”, concludono i due consiglieri comunali.

Più informazioni su