Seguici su

Cerca nel sito

#Ostia, i socialisti: ‘Ormai la politica si interessa solo dei congressi e delle scadenze elettorali’

Il segretario Assogna: "Un Congresso dovrebbe avere una chiara e identificabile linea politica che rafforzi il ruolo unitario sia all'interno del Partito, che all'esterno verso la Società per essere punto di riferimento, purtroppo non abbiamo ancora visto volontà e spirito unitario"

#Ostia, i socialisti: ‘Ormai la politica si interessa solo dei congressi e delle scadenze elettorali’

Il Faro on line – I Congressi annunciati presentano contrasti molto forti e di grande interesse anche per noi. In primo luogo c’è quello Socialista, essendo stato annullato quello dello scorso anno di Salerno che ha prodotto gravi divisioni a seguito di sconcertanti forzature da parte della Segreteria Nencini.

Un Congresso dovrebbe avere al centro il confronto e la definizione di una chiara e identificabile linea politica che ne rafforzi il ruolo unitario sia all’interno del Partito, che all’esterno verso la Società per essere punto di riferimento delle condizioni attuali e dei progetti futuri – dichiara Gioacchino Assogna, segretario del Psi di Ostia – in particolare per i giovani, i disoccupati, i pensionati e chi lavora e produce.

Purtroppo non abbiamo ancora visto questa indispensabile volontà e spirito unitario, perchè sembra più rivolto a sistemare i rapporti di forza, che l’approfondimento di quale ruolo più incisivo deve svolgere il Partito Socialista in questa fase così incerta e travagliata con l’aggravamento della situazione economica e sociale determinatasi dalle scelte neo-liberiste imposte dall’Europa e praticate dal Governo Renzi.

E’ previsto anche il Congresso Costituente di Sinistra Italiana, in cui sono impegnati in un intenso confronto coloro che vengono dall’esperienza di Sel(Vendola) e coloro collegati a Fassina, D’Ettorre ed altri usciti in gran parte dal Pd Renziano – continua il Segretario – La costruzione di un nuovo soggetto di Sinistra con Cultura di Governo interessa anche a noi stante il grave spostamento a destra del Pd Renziano.

Non possiamo ignorare lo scontro sempre più accentuato che si sviluppa dentro il Pd tra Renzi, che pensa di guardare alle forze del Centro e della Destra, escudendo attenzione e considerazione per una alleanza che coinvolga Sinistra Italiana e Socialisti con pari dignità.

Dietro le discussioni sulla Legge Elettorale “armonizzata per entrambi i rami del Parlamento”, come chiede Mattarella, si nascondono contrasti profondi fino all’ipotesi di andare ad una scissione del Pd.

Renzi che non ha voluto strumentalmente commentare l’Assemblea di Roma promossa da D’Alema e tuttavia non ha assolutamente affrontato i nodi presenti nelle Leggi Elettorali se aprirsi alle coalizioni oppure confermare la cosidetta “vocazione maggioritaria” che tende ad escludere accordi di coalizione per imporre di stare sulla Lista del Pd, facendo capire che a lui vanno bene i Capilista bloccati, perchè sarebbero “suoi nominati” e le pluricandidature non cancellate formalmente dalla Corte Costituzionale, ma inaccettabili sul piano politico e del rispetto delle scelte che devono essere lasciate ai cittadini.

C’è molto da discutere ed approfondire.- conclude Assogna –  La riunione come sempre è aperta a tutti coloro che sono interessati ai molteplici problemi, anche di carattere locale per vedere come proseguire la battaglia per il diritto del X Municipio di scegliersi i propri Amministratori e contro l’infamia del prolungamento della negativa gestione Commissariale.

Martedì 31 Gennaio, alle ore 18:00 , Sala Teatrale “Andrea Costa” si terrà la consueta riunione quindicinnale per discutere dello svolgimento dei diversi Congressi annunciati (PSI, SI, PD) e le prossime scadenze Elettorali che sono determinanti per il paese e comprendere il quadro politico e chi lo guiderà.