Seguici su

Cerca nel sito

#Fukushima, radiazioni record in un reattore, letali dopo breve esposizione

Una falla di circa un metro quadro è stata rinvenuta lungo una grata metallica sotto il contenitore a pressione del reattore.

Più informazioni su

#Fukushima, radiazioni record in un reattore, letali dopo breve esposizione

Il Faro on line – Un livello record di radiazioni è stato rilevato all’interno del reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima Daichi, attualmente in fase di smantellamento. Così l’operatore dell’ impianto, Tokyo Electric Power (Tepco), spiegando che le rilevazioni hanno raggiunto i 530 sievert all’ora,una misurazione talmente alta da essere letale anche dopo una breve esposizione. Tepco ha spiegato che una falla di circa un metro quadro è stata rinvenuta lungo una grata metallica sotto il contenitore a pressione del reattore.

Il disastro di Fukushima del 2011

Fu una serie di incidenti, incluse quattro distinte esplosioni, avvenuti presso la centrale nucleare omonima situata presso Naraha nella Prefettura di Fukushima, in Giappone, a seguito del terremoto e maremoto del Tōhoku dell’11 marzo 2011.

I gruppi elettrogeni di sicurezza alimentati da motori diesel vennero allagati perché erano posizionati ad una quota di pochi metri sul livello del mare ; questo causò la mancanza di corrente elettrica ed il blocco dei principali sistemi di raffreddamento in tre reattori.

I reattori erano stati fermati automaticamente al momento della scossa, ma il loro corretto spegnimento avrebbe richiesto la dissipazione del calore residuo di reazione per un periodo di vari giorni, invece non si riuscì a riprenderne il controllo e nel corso dei due giorni successivi, in momenti diversi, i noccioli di tutti e tre i reattori subirono il meltdown completo. Inizialmente classificato come grado 5, fu poi innalzato al grado 7 della Scala INES dall’11 aprile 2011.

Nel loro insieme gli eventi costituiscono quindi l’unico incidente nucleare la cui gravità è stata classificata dello stesso grado del Disastro di Černobyl’.

Più informazioni su