Seguici su

Cerca nel sito

Al Salone d’Onore del Coni, Franco Nones presenta il film della sua vita. L’8 febbraio, un mito torna a vivere

Tutta la carriera sportiva del campione olimpico di sci di fondo, in un film. Fu il primo oro a Cinque Cerchi, nella specialità invernale

Più informazioni su

Al Salone d’Onore del Coni, Franco Nones presenta il film della sua vita. L’8 febbraio, un mito torna a vivere

Il Faro on line – Tornerà a vivere, l’emozione. Lo farà al Salone d’Onore al Coni, mercoledì 8 febbraio. E sarà un grande campione ad elargire ricordi e grandi sensazioni. In questo periodo della stagione invernali delle nevi, in corso, Franco Nones presenterà il film della sua avventura nello sci di fondo.

Direttamente lui, lo farà in compagnia del Presidente del Coni, Giovanni Malagò. Sarà allora proiettato un film documentario, che racconterà proprio la vita di Nones, campione olimpico della 30km a Grenoble, nel 1968. Una leggenda delle Fiamme Gialle, del V Nucleo Atleti di Predazzo, che in quegli anni primordiali di tornei internazionali e di sport, del dopoguerra, segnò il tempo, conquistando il primo oro a Cinque Cerchi, nell’ambito italiano, del fondo. Certamente, il precursore di tante medaglie vinte e messe al collo, negli anni successivi.

Alle ore 18,00, con la produzione auto – finanziata di Aurora Vision, “A Passo d’Oro, Franco Nones: La leggenda di un fondista” sarà mostrato, km dopo km, sulle nevi di tutto il mondo e soprattutto di Grenoble, all’ombra della bandiera olimpica. La regia del film è di Lia e Alberto Beltrami. Denis Morosin ha curato la fotografia di questo documentario, che tornerà a far rivivere un grande campione dello sci di fondo tricolore. Vede il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento e del Trentino Fiemme Ski World Cup e la collaborazione dell’Apt Val di Fiemme e del Centro Lago di Tesero, nonché di Monograno Felicetti, Vemas, Karpos e Nones Sport. E’ in via di definizione, la distribuzione homevideo in Italia, con Multimedia San Paolo.

Il film proiettato si svilupperà dai ricordi stessi di Franco Nones, di sua moglie Inger, insieme ai contributi degli amici e dei collaboratori Umberto Macor, primo allenatore delle Fiamme Gialle, il giornalista Giorgio Brusadelli, Padre Serafini Tognetti, Roberto Campaci, Pietro De Godenz e Cristian Zorzi.

Più informazioni su