Seguici su

Cerca nel sito

Porticato Gaetano: Giuseppe Modica vince la XXVIII Edizione

Mitrano: "Mi ha particolarmente colpito il tema di quest'anno, poiché rispecchia uno condizione ed uno stato d'animo sempre più diffuso nella nostra società"

Porticato Gaetano: Giuseppe Modica vince la XXVIII Edizione

Il Faro on line – Il Prof. Giuseppe Modica di Roma vince la XXVVIII edizione del Porticato Gaetano con l’opera in pittura “Alternanza Verticale”. Il premio è stato consegnato dal Sindaco Cosmo Mitrano durante la cerimonia di chiusura che si è svolta domenica 5 febbraio 2017, presso la Pinacoteca Comunale di Arte Contemporanea Giovanni da Gaeta, Palazzo San Giacomo, sede della Rassegna d’Arte.

Promossa dal Comune di Gaeta e organizzata dall’Associazione Culturale Novecento, la Rassegna, nata nel 1958 e dedicata all’Arte nel territorio, è divenuta un’importante appuntamento annuale nello scenario artistico italiano. Ad ogni edizione sono centinaia gli artisti che vi partecipano provenienti da tutta Italia e dall’estero.

In questa XXVIII edizione, aperta il 20 novembre scorso, la selezione di 95 artisti si è cimentata sul tema: Il vuoto, tra senso e forma, con la presenza, tra gli altri, di vincitori di varie edizioni della rassegna, da Normanno Soscia di Itri a Ugo Levita di Todi, da Salvatore Bartolomeo di Formia a Antonio Farina di Latina, da Emilia Isabella di Latina a Rosario Mazzella di Napoli, da Gianni Guadalaxara di Gaeta a Annalisa Ramondino di Roma, da Francesco Martelli di Latina a Maddalena Barletta di Bologna e a Luigi Marra di Gaeta, tutti ormai personaggi prestigiosi del mondo dell’Arte. Quest’anno non ha partecipato, per la prima volta dopo 59 anni, Armando Lieto, recentemente scomparso, ultimo dei fondatori della rassegna e appassionato sostenitore e collaboratore della Pinacoteca Comunale.

“Con il Porticato Gaetano, nostro fiore all’occhiello – ha dichiarato il Sindaco Mitrano – Gaeta offre al mondo dell’Arte un appuntamento annuale ad ampio spettro che la pone al centro dell’attenzione sotto l’aspetto culturale e turistico. Il Porticato, infatti, dal 1958 effettua una ricognizione, sia pure limitata, sull’Arte contemporanea, stimola gli artisti del territorio e i giovani delle Accademie al confronto, mette a disposizione di turisti e concittadini la possibilità di “entrare” nel mondo fantastico dell’Arte e della creatività. Mi ha particolarmente colpito il tema di quest’anno, poiché rispecchia uno condizione ed uno stato d’animo sempre più diffuso nella nostra società ed è sorprendente scoprirne le varie interpretazioni artistiche, tutte profondamente coinvolgenti. Rivolgo un sincero ringraziamento al Presidente dell’Associazione Culturale Novecento Antonio Lieto, motore della Rassegna d’Arte, per l’encomiabile lavoro svolto, anche nella gestione della Pinacoteca;   a tutti gli artisti partecipanti, vero humus del Porticato Gaetano. Un grazie sentito, per l’ottimo servizio di accoglienza offerto nella cerimonia di premiazione, agli allievi, ai docenti e al dirigente dell’ Istituto Tecnico Economico indirizzo Turismo Fermi”.

Il Sindaco Mitrano ha poi assegnato attestati di partecipazione a tutti i finalisti della rassegna ed ai ragazzi dell’Accademia di Belle Arti di Roma accompagnati dal Prof. Vincenzo Scolamiero al quale è stato consegnato un riconoscimento speciale per la notevole attività di sprone al confronto, ed anche a cimentarsi, svolta con gli studenti.

Inoltre sono stati attribuiti riconoscimenti speciali al maestro Giuseppe Coluzzi di Latina e ai fratelli Rosario, Luigi e Elio Mazzella. Il maestro Coluzzi è stato premiato per la sua assidua partecipazione al Porticato e per aver stimolato il dibattito artistico nazionale riscuotendo consensi e riconoscimenti della critica e del pubblico in Italia e all’estero. Il maestro pontino, presente da moltissimi anni sulla scena artistica, si è distinto particolarmente per il suo approccio all’Arte incisivo e di grande umiltà. Ai tre fratelli artisti napoletani è stata invece riconosciuta la loro prestigiosa carriera: Rosario, Luigi e Elio Mazzella, due pittori ed uno scultore, hanno infatti al loro attivo importanti mostre in Italia e all’estero, tra cui una anche nella Pinacoteca comunale. Da tempo hanno attirato l’attenzione di celebri critici e studiosi a partire da Giulio Carlo Argan.