Seguici su

Cerca nel sito

Europei Giovanili di karate, la Nazionale Italiana comincia la sua avventura a Sofia

Prima della partenza, Maniscalco e Maestri hanno dato i loro consigli ai giovani atleti azzurri

Più informazioni su

Europei Giovanili di karate, la Nazionale Italiana comincia la sua avventura a Sofia

Il Faro on line – E’ un 44esimo Campionato d’Europa molto atteso, quello che si svolgerà dal 17 al 19 febbraio, a Sofia. Le categorie dei cadetti e degli under 21, della Nazionale Italiana di karate, sono partite alla volta della Bulgaria, dopo otto intensi giorni di allenamento, trascorsi al Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito, a Roma.

Saranno 1147, i giovani karateka si incontreranno sui tatami dell’Arena Armeec, della capitale bulgara. Gli azzurrini hanno lo scopo di dimostrare il valore del karate italiano, soprattutto a livello di un vivaio prolifico, che si sta mostrando pronto ed agguerrito. Sia nel kata che nel kumite, lo scopo di salire sul podio, il maggiore delle volte possibili, il sogno di primeggiare sarà la meta della manifestazione. Nella scorsa edizione, disputata a Zurigo, la Nazionale Giovanile collezionò 16 medaglie. La speranza del movimento azzurro è quello di poter eguagliare oppure aumentare il bottino, soprattutto all’inizio del quadriennio che porterà a Tokyo 2020. Dall’elezione del karate a disciplina olimpica, attese e aspettative sono salite di intensità.

Alla vigilia della partenza, i campioni della Nazionale senior hanno fatto visita agli azzurrini, per lasciare i loro consigli e auguri. E’ stato toccante l’incontro tra di essi. Stefano Maniscalco, pluricampione mondiale ed europeo delle Fiamme Gialle, insieme a Nello Maestri, campione europeo e padrone di casa presso il Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito, si sono allenati con i loro compagni più giovani, con cui condividono ad Ostia, molti collegiali ed avventure sportive, in giro per il mondo. In questo caso, i due campioni azzurri, li hanno salutati affettuosamente, restando molto impressionati dalla loro bravura tecnica e solidarietà sul tatami.

Il Presidente della Cnag, Salvatore Nastro ha lasciato le sue dichiarazioni, in previsione del torneo continentale di Sofia, come indicato dal comunicato diffuso dalla Fijlkam: “I ragazzi sono stati guidati dagli allenatori federali, sia per il kumite che per il kata, in maniera molto accurata e scrupolosa. E’ stato un collegiale lungo, ma molto proficuo. Gli atleti hanno avuto la possibilità di rifinire la loro preparazione, finalizzanola alla gara. E’ alto il morale di tutti, grazie ad una bella coesione, sia tra le squadre che con gli allenatori”.

Più informazioni su