Seguici su

Cerca nel sito

La Scuola di italiano per stranieri dell’associazione “Io, Noi” di #Fiumicino celebra la Giornata Internazionale della Lingua Madre

Vincenzo Taurino: "L'obiettivo dell'evento sarà di mettere in risalto l'importanza delle conoscenze linguistiche per favorire l'integrazione sociale e culturale"

La Scuola di italiano per stranieri dell’associazione “Io, Noi” di #Fiumicino celebra la Giornata Internazionale della Lingua Madre

Il Faro on line – Oggi a Fiumicino, in viale delle Meduse 63a, nella cornice della Biblioteca per la Nonviolenza, l’evento interculturale per celebrare pubblicamente, a livello locale, la Giornata Internazionale della Lingua Madre, promosso dalle Associazione “Io, Noi” e dal Movimento Nonviolento – Centro territoriale del litorale romano.

Ricordando il significato dato dall’Unesco alla giornata della Lingua Madre, che rimanda al 21 febbraio 1952 quando diversi studenti bengalesi dell’Università di Dacca furono uccisi dalle forze di polizia del Pakistan mentre manifestavano per il riconoscimento del bengalese come lingua ufficiale, gli studenti e le studentesse della scuola di italiano per stranieri di “Io, Noi” (associazione aderente alla Rete Scuole Migranti) porteranno canti, poesie, ricette nelle loro lingue madri.

“Si vuole così riconoscere – afferma Vincenzo Taurino, fondatore della scuola popolare di italiano per stranieri dell’associazione Io, Noi – l’importanza della lingua madre non solo come strumento di comunicazione, ma anche come vettore di tutto un mondo di valori, tradizioni e conoscenze, che sono le fondamenta dell’identità culturale di ogni popolo. L’esperienza della scuola di italiano per stranieri è una concreta apertura al plurilinguismo e alla partecipazione in sede di programmazione dei corsi agli stessi cittadini stranieri che vi partecipano”.

“L’obiettivo dell’evento – conclude Taurino – sarà di mettere in risalto l’importanza delle conoscenze linguistiche e dell’istruzione per favorire l’integrazione sociale e culturale“.

Così Nelson Mandela: “Parlare a qualcuno in una lingua che comprende consente di raggiungere il suo cervello. Parlargli nella sua lingua madre significa raggiungere il suo cuore”.