Seguici su

Cerca nel sito

Domitianus Fair Play International Award, svelate le nomination

Tra le personalità Angela Merkel e Mario Draghi.

Amatrice nominata Capitale del Fair Play

Con la scoperta della struttura elicoidale  del DNA ritengo di aver dato un contributo all’umanità. Ma l’umanità potrà migliorare ritrovando il modo del vivere civile nel rispetto di tutti. In sintesi vivendo con Fair Play”. E’ il messaggio del Premio Nobel, Prof. James D. Watson, ai partecipanti del dibattito “Ricominciamo dal Fair Play”, incontro, promosso dal Comitato Nazionale Italiano Fair Play, presieduto da Ruggero Alcanterini, con l’European Fair Play Movement e l’International Fair Play Committee, con il Patrocinio del CONI e dell’Ufficio Informazione d’Italia del Parlamento Europeo che si è tenuto nella suggestiva location dello Stadio di Domiziano.

Gli ha fatto eco la scrittrice Dacia Maraini, negli Stati Uniti, che in un video messaggio ha lanciato un appello: “sostituiamo la parola “fair play” con la parola italiana “gentilezza”, come modo di essere del mondo e di rispetto dell’altro”. Sono intervenuti all’evento, coordinato dal giornalista Emilio Albertario, Mons. Georg Gänswein, Prefetto della Casa Pontificia, Sergio Pirozzi, Sindaco di Amatrice, Roberto Fabbricini, Segretario Generale del CONI, Giampaolo Meneghini, Direttore Ufficio d’Informazione Parlamento Europeo, Antonio Marini, già  Procuratore Generale di Roma e Avvocato Generale presso la Corte d’Appello, Claudio Lippi. Con l’occasione sono state svelate le nominations della prima edizione del “Domitianus Fair  Play  International  Award”, riconoscimento che intende promuovere il tema dei valori etici a livello globale che si terrà a Roma il prossimo 5 aprile all’Ara Pacis.

A sorpresa anche la Cancelliera Angela Merkel, e il presidente della BCE, Mario Draghi, il Prefetto della Casa Pontificia e segretario di Papa Benedetto XVI, Mons. Georg Gänswein, ma anche campioni olimpici come Bebe Vio, Francesco Totti e Santiago Lange. Per il settore automobilistico, per l’auto fair play dell’anno si competono il titolo le giapponesi Toyota, Mazda e Nissan. L’Università Luiss è in nomination per l’educazione, e la tv pubblica tedesca ZDF, Zweites Deutsches Fernsehen, per la comunicazione. Amatrice e Lampedusa (Sergio Pirozzi e Giusi Nicolini) unite per il fair play in prima linea.

L’identificazione dei candidati e l’analisi della loro idoneità per l’attribuzione dei riconoscimenti  sono state svolte dall’ international Award Council,  un organo collegiale a cui il Comitato Nazionale Italiano Fair Play ha delegato lo svolgimento della sua attività in piena indipendenza e i cui membri, conosciuti a livello internazionale, hanno rilevanza nel campo di attività.

Il  “COUNCIL”, il cui presidente è il Nobel James D. Watson,  è un organismo  senza fini di lucro, apolitico, apartitico e aconfessionale. Si compone attualmente di 12 rappresentanti della cultura, delle arti, dello sport  e dell’industria:  oltre a Watson, figurano Tara GandhiSophia LorenElettra MarconiAnita GaribaldiPieralvise Di Serego Alighieri, Franco Malerba, Virginia Hewitt, Nina IvotchkinaAldair Nascimento do Santos, Akira Nishio.  Su proposta del presidente, di concerto con il Comitato Italiano Fair Play, ha deciso di istituire la categoria “Capitale del Fair Play” e di assegnare il riconoscimento alla comunità di Amatrice duramente colpita dal terremoto del 24 agosto, e ai suoi cittadini deceduti nel disastro. Scrive Watson ancora nel suo messaggio: “il mio primo pensiero va alle popolazioni italiane ferite dal terribile terremoto ed in particolare alla città di Amatrice, e ho proposto ai colleghi del Council, che hanno concordato all’unanimità, l’assegnazione di un titolo speciale per questa città”.

Ecco le altre candidature indicate per l’attività dell’anno 2016, e riferite alla prima edizione del Domitianus Fair Play Internaional Award 2017: Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer  (alla Memoria)per lo sport  Nikki Hamblin – Abbey D’agostino  (Corsa Mezzo fondo)per l’ industria, Servizi e Comunicazione la TECHNOGYM  S.p.A. (Attrezzature per fitness e riabilitazione) e HOLOGRAM  COMPANY  – RAKO GmbH  (sistemi di sicurezza). Per le auto MERCEDES Benz (Macchina a guida autonoma – “E” Class) e LEXUS  –  Macchine ibride   (per la scelta del brand di commercializzare in Italia solamente auto ibride).