Seguici su

Cerca nel sito

Ostiamare, Jacopo Calveri torna dopo l’infortunio al ginocchio: “E’ stato un periodo non facile. Ringrazio il gruppo che ogni giorno, mi è stato vicino”.

Dopo due mesi di stop, Jacopo Calveri, con il Lanusei, ha giocato l’ultima mezz’ora e ha gioito con i suoi compagni, per la vittoria in trasferta

Ostiamare, Jacopo Calveri torna dopo l’infortunio al ginocchio: “E’ stato un periodo non facile. Ringrazio il gruppo che ogni giorno, mi è stato vicino”.

Il Faro on line – Era già tornato in panchina con la prima squadra, nella partita con l’Arzachena e aveva visto i suoi compagni vincere, per 1 a 0, all’Anco Marzio. Negli ultimi minuti della partita, il rigore di Fabrizio Roberti aveva restituito il sorriso agli undici biancoviola, dopo una gara sofferta, ferma sullo 0 a 0. Anche Jacopo aveva gioito, con loro e con il ginocchio guarito.

Era stata quella, per prima, la sua vittoria. Dopo due mesi di stop e i primi momenti dell’infortunio, a temere un incidente ben più grave, che avrebbe eventualmente, tenuto lontano il giovane calciatore lidense, dai campi di gioco, più a lungo, l’esito degli accertamenti, aveva escluso il peggio. Non rottura, ma solamente una lesione al crociato del ginocchio destro. E allora, niente operazione da eseguire, ma solo un lavoro di rinforzo da affrontare. E lo scorso 26 febbraio, il rientro in campo. E’ avvenuto, al secondo tempo, quando Calveri è stato chiamato da mister Greco, a sostituire Belardelli. Al 65’, del secondo tempo, dopo i due gol siglati, da Michele Vano e da Fabrizio Roberti, a Lanusei, Jacopo, scendendo in campo, si è lasciato alle spalle, il buio, ritrovando il campo ed il suo calcio, del cuore. Partecipando attivamente, alla vittoria in trasferta, in Sardegna. Ne parla, alla ripresa degli allenamenti al Centro Sportivo Anco Marzio, nell’intervista a cura di Riccardo Troiani, dell’Ufficio Stampa dell’Ostiamare.

Queste, sono le parole di Jacopo Calveri, classe ’98. Ala destra dell’Ostiamare

Sono molto contento per questo rientro. Ringrazio di tutti coloro che mi sono stati vicini. Staff medico, gli allenatori, il gruppo, gli amici. E’ stato un periodo non facile. Però, sono molto felice per il rientro e per la vittoria di domenica. E’ stato un risultato importante, per il gruppo. Ci da continuità, per i risultati positivi. Siamo andati a giocare su un campo difficile, in una trasferta molto lunga. Siamo stati bravi sotto porta, a sfruttare le occasioni. Ci siamo presentati al meglio, in Sardegna”. Descrivendo, il periodo del suo infortunio, ha chiarito: “E’ stato un momento difficile per me. All’inizio, ho pensato che si fosse rotto il crociato. Per fortuna, era solo lesionato. L’operato dei medici mi ha fatto tornare in campo, con un lavoro di rinforzo muscolare. Passati questi due mesi, sono tornato. Il mister mi ha schierato in campo”. Ha voglia di ringraziare tutto l’ambiente biancoviola, per questo ritorno, sul rettangolo di gioco: “Grazie anche al gruppo che, ogni giorno mi ha sostenuto e mi è stato vicino, sono tornato. Ringrazio davvero tutti, per questo”. Si torna a giocare, domenica. All’Anco Marzio, arriva il Città di Castello, che all’andata, aveva fermato l’Ostiamare, sul pareggio. Questo è il suo pensiero: “La partita di domenica è difficile. Il Città di Castello è una squadra di combattenti. Nella gara di andata, abbiamo pareggiato con loro. Cerchiamo tuttavia una vittoria per noi e di dare continuità al nostro percorso”.

Foto : Ostiamare Lido Calcio Srl