Seguici su

Cerca nel sito

Premier League, la Nazionale di karate a Rotterdam. Loria: “Primo vero test, verso gli Europei” foto

Senza Tocco, colpito dall’influenza, la Nazionale ritrova Busà nel kumite. L’obiettivo sarà quello di affinare tecnica e preparazione

Più informazioni su

Premier League, la Nazionale di karate a Rotterdam. Loria: “Primo vero test, verso gli Europei”

 

Il Faro on line – E’ partita per l’Olanda, la Nazionale di karate, destinazione Rotterdam. L’appuntamento di questo fine settimana sarà quello della tappa della Premier League, che rappresenta un’ulteriore prova di avvicinamento, ai prossimi Europei che si svolgeranno a maggio, in Turchia.

Dal 17 al 19 marzo, tutto il karate mondiale a Rotterdam

Dopo 4 giorni di raduno, presso il Centro Olimpico Matteo Pellicone, di Ostia Lido, gli azzurri del karate italiano si apprestano a partecipare a questa competizione importante, che vedrà scendere sui tatami del Dutch Open, più di 1240 karateka, provenienti da 70 paesi diversi. Cresce la partecipazione del karate Wkf, a questi importanti tornei, che hanno anche lo scopo di preparare la disciplina marziale, ai prossimi Giochi di Tokyo. Già, dalla giornata di venerdì 17, si sono svolte eliminatorie e per tutto il week end, fino a domenica, avranno luogo, semifinali e finali. Queste ultime in diretta, sul sito di sportdata.org.

La situazione del kata azzurro. Le parole di Vincenzo Figuccio

La Nazionale italiana è giunta in Olanda, senza il bronzo al Mondiale di Linz, nella specialità a squadre, nel kata, Alfredo Tocco, che durante il raduno, è stato colpito da una forte forma di influenza. Immediatamente, al suo posto, è stato convocato Gianluca Gallo, neocampione europeo under 21, a Sofia.

Come indica Vincenzo Figuccio, nel comunicato diffuso dalla Fijlkam, l’inserimento Gallo in squadra, insieme a Mattia Busato ed Alessandro Iodice, sarà un’ulteriore sfida da vincere: “Il compito dei ragazzi sarà quello di provare una vera e propria impresa, considerato il poco tempo a disposizione, per preparare la gara”. L’obiettivo generale, del raduno pre Olanda, è stato quello di testare forma fisica e testa, direzione Turchia: “Abbiamo raggiunto in piccola parte, gli obiettivi relativi alla condizione fisica – ha aggiunto Figucciomolto deve essere ancora fatto, in funzione della qualità tecnica e della crescita di questi giovani atleti”. Per la squadra femminile di kata, composta da Viviana Bottaro, Sara Battaglia e Michela Pezzetti, non avendo avuto cambi in corsa, la situazione sembra essere migliore: “Team consolidato – ha spiegato, il tecnico azzurro del kata – continua ad essere un punto di riferimento, per il kata mondiale. La direzione della squadra si sta spostando verso l’approfondimento di aspetti tecnici profondi, per continuare ad evolversi”. Sottolinea poi, Figuccio la presenza importante di Terryana D’Onofrio: “La sua presenza individuale, insieme alle ragazze, sta conducendo progressivamente, ad un percorso di affinamento e rivisitazione, di tutti gli aspetti che sono predominanti, nella formazione fisica”.

La situazione del kumite azzurro. Le parole di Salvatore Loria

Non solo il kata, il gioiello della squadra azzurra, ma anche il sempre vincente e tenace kumite, che come indicato dalla nota della Fijlkam, è presentato dal tecnico del combattimento, Salvatore Loria: “La competizione in Olanda risulta essere il primo vero test della stagione. Possiamo crescere ancora molto, per quanto riguarda la condizione fisica. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere i prossimi Europei, al top”. Secondo Loria, il punto focale della preparazione azzurra sta nelle condizioni tecniche e tattiche: “In funzione del nuovo regolamento, è necessario sviluppare situazioni tecniche sempre più raffinate, che obbliga gli atleti ad essere più efficaci, sotto questo profilo”. E con orgoglio, annuncia il ritorno in squadra, di un grande campione del combattimento azzurro. Un punto centrale e perno del team tricolore: “Ufficialmente, ritorna sul tappeto, Luigi Busà. Faccio un grande in bocca al lupo, a tutta la Nazionale”.

 

Foto : Fijlkam

 

Più informazioni su