Seguici su

Cerca nel sito

Il progetto “Colline Pulite” del comune di #SantaMarinella è stato finanziato

Il Consigliere Maggi: "In questo modo miglioreranno il decoro, la tutela ambientale e la qualità dell'accoglienza turistica"

Il progetto “Colline Pulite” del comune di #SantaMarinella è stato finanziato

Il Faro on line – La Città Metropolitana di Roma ha finanziato il progetto “Colline Pulite” del Comune di Santa Marinella, elaborato dal Consigliere Andrea Passerini, in collaborazione con il Consigliere Marco Maggi.

Il progetto, dal valore di 28.500 euro e della durata di un anno, ha come principale obiettivo la prevenzione contro le discariche abusive dei rifiuti, con il monitoraggio di tutte le zone del territorio comunale, e l’eventuale bonifica, con la raccolta e il conferimento nell’isola ecologica di Raee, inerti, pneumatici, accumulatori, oli minerali, arredi, ed altre tipologie di ingombranti. Inoltre, una parte significativa del finanziamento sarà destinata alla dotazione e gestione di raccoglitori specifici su strade, piazze e parchi pubblici, e su raccoglitori di rifiuti a servizio delle spiagge.

“Le ricadute sulla comunità – dichiara il consigliere Passerini – saranno apprezzabili non solo in funzione del decoro e della tutela ambientale, ma anche sotto l’aspetto di un generale miglioramento della qualità dell’accoglienza turistica, ora minata dall’immagine negativa offerta dalla vista dei numerosi punti di abbandono rifiuti. Valorizzeremo e renderemo organica, per questo importante compito, l’azione di prevenzione e di sanzione dei comportamenti incivili che il gruppo dei Rangers e delle Guardie Zoofile, in ausilio al Comando di Polizia Municipale, stanno già meritoriamente operando sul territorio comunale”.

“La valenza ancora più importante del progetto – prosegue Passerini – è probabilmente insita nel processo di awareness che si attiverà con un’azione di comunicazione: i cittadini saranno informati sulle caratteristiche e sulla pericolosità dei rifiuti oggetto del monitoraggio, e resi consapevoli del loro ruolo e responsabilità civica, come soggetti attivi della catena di valore rappresentata dal ciclo dei rifiuti”.