Seguici su

Cerca nel sito

Premier League. In Olanda, il karate azzurro conquista 5 medaglie. Oro, per Battaglia, Bottaro e Pezzetti

La Cardin torna sul podio. Iodice si conferma dopo Parigi. Suo trend, tra i migliori al mondo

Più informazioni su

Premier League. In Olanda, il karate azzurro conquista 5 medaglie. Oro, per Battaglia, Bottaro e Pezzetti

Il Faro on line – Si avvicina a grandi passi, l’appuntamento con gli Europei in Turchia. Mentre, ci sarà ancora un mese di preparazione, nel quale si svolgeranno, sia la Pl1 di Dubai, che gli Assoluti Italiani di Ostia, la Nazionale di karate torna da Rotterdam, con 5 medaglie.

Un oro e 4 bronzi sono stati il bottino finale, dopo il lungo week end di arti marziali, vissuto sui tatami del Dutch Open, olandese. Un buon successo, per dei campioni di karate, che sempre, negli appuntamenti internazionali, non mancano di salire sul podio. E’ tornata a vincere, Sara Cardin, nel combattimento femminile ed Alessandro Iodice si riconferma dopo Parigi. A brillare ancora, dopo il torneo francese, è stata di nuovo la squadra femminile di kata. Sara Battaglia, Viviana Bottaro e Michela Pezzetti hanno sigillato d’azzurro, anche la Premier League di Rotterdam. Sono salite sul primo gradino del podio, rafforzando continuità e tecnica sopraffina: “Siamo soddisfatti – ha dichiarato, il tecnico del kata tricolore, Vincenzo Figuccio, come indicato dalla nota della Fijlkamsu quattro categorie, di cui tre olimpiche, abbiamo sempre vinto”. Ha speso parole di elogio, per tutti i suoi atleti Figuccio, commentando: “Sara domina con superiorità fisica, tecnica e mentale. Ci porta a pensare di avere una campionessa, che ha molta voglia di essere ancora tra le migliori al mondo”. Una crescita nel combattimento individuale, è stata importante anche per Gianluca De Vivo, nei 67kg: “E’ partito in svantaggio di tre puntiha commentato Figuccio, continuando – ha recuperato poi, punto su punto”. Ha poi, descritto anche la gara di Iodice: “Alessandro si è imposto sul campione europeo under 21, nel kata maschile”. Vuole chiarire poi, un appunto sulla finale per il bronzo, di Mattia Busato: “E’ stato molto discutibile il verdetto. A noi tuttavia, interessa solo crescere. E sempre di più. Complimenti a tutta la delegazione e a tutto lo staff, per l’impegno e la determinazione, mostrati”.

Dunque, 5 medaglie e tutte azzurre. Un oro e 4 bronzi. La Nazionale di kata femminile, dopo aver eseguito uno splendido Paiku, si è messa in tasca, la medaglia del primo posto e contro le rivali transalpine, da sempre, avversarie conosciute ed incontrate nei tornei internazionali della Wkf. Per 4 a 1, il trio, formato da Battaglia, Bottaro e Pezzetti, ha vinto la Premier League di Olanda. Nella categoria under 21, Carola Casale, Lisa Pivi e Francesca Reale hanno vinto il bronzo, vincendo per 4 a 1, la squadra di kata spagnola. Anche Alessandro Iodice è salito sul terzo gradino del podio. Dopo aver conquistato la sua finale per il bronzo, con lo spagnolo Galan Lopez Sergio, il punteggio di 4 a 1, gli ha regalato la sua medaglia olandese. Nel kumite, Sara Cardin e Gianluca De Vivo si sono piazzati, terzi. La campionessa mondiale dei 55kg, al Mondiale del 2014, lo ha fatto, battendo per 4 a 1, la sua avversaria sul tatami centrale, mentre De Vivo ha messo al collo, la medaglia di bronzo, superando per 4 a 3, il suo opponente, della stessa categoria di peso.

Foto : Fijlkam

Più informazioni su