Seguici su

Cerca nel sito

#Eur, erba alta nelle scuole

Maestre costrette a tenere i bambini all'interno delle aule perché manca la manutenzione delle arre verdi

#Eur, erba alta nelle scuole  

Il Faro on line – L’erba nei giardini e negli spazi verdi delle scuole cresce più in fretta e più veloce delle previsione del Municipio, che purtroppo per un ritardo nell’appalto, non riuscirà a tagliare l’erba come previsto in primavera, ma solo a luglio a scuole chiuse.

Spero si ponga rimedio in fretta a questo disservizio – evidenzia Piero Cucunato consigliere di Roma Capitale al IX Municipio Eur – per questo, oltre a sollecitare gli organi competenti, ho presentato un’ interrogazione al Presidente del Municipio, chiedendo chiarimenti sulla vicenda”.

E’ una situazione paradossale, visto i precedenti non certo confortanti di inizio anno scolastico, quando non venne espletato il servizio per colpa del Municipio inadempiente – sostiene Pietrangelo Massaro, Coordinatore Municipale di Forza Italia.

Ci segnalano – aggiunge Massaro – l’impossibilità di utilizzare, per l’erba alta e la mancata manutenzione dei giardini, gli spazi esterni della scuola che, con l’arrivo della primavera e delle belle giornate, rappresentano uno spazio di sfogo e di divertimento per i bambini che frequentano le scuole di competenza del nostro Municipio. Per questo abbiamo chiesto attraverso il nostro Capogruppo di Forza Italia Cucunato la possibilità di un pronto intervento e le motivazioni di questi ritardi”.

E vergognoso che il Municipio appalti in ritardo tale servizio – sottolinea il Consigliere Cucunato – questo ci fa constatare ancora una volta l’inefficienza di chi come il m5s governa il Municipio, e non riesce a gestire un processo cosi semplice. Purtroppo questi ritardi sono già avvenuti in passato con gravi conseguenze per le scuole e i bambini del nostro territorio. La mancanza dello sfalcio dell’erba e della pulizia delle aree esterne alle scuole, ha comportato la presenza di topi all’interno delle strutture”.

“E’ Incredibile- concludono e denunciano Cucunato e Massaro – come le pulizie dell’inizio dell’anno scolastico previste a settembre, sono state fatte a dicembre, mentre quelle di primavera verranno fatte a scuola ormai chiusa nel mese di luglio, un disservizio per molte scuole che dovranno tenere in ostaggio i bambini all’interno delle aule, senza poter utilizzare gli spazi esterni e i giardini delle scuole”.