Seguici su

Cerca nel sito

Agora Zonapontina, Scala, ‘Ringrazio i miei giocatori, sanno cosa dare in campo’

Primo pari della stagione con amara eliminazione, con lo United Latina. Morano, Torelli e Saltarelli recuperano 3 gol nel finale, ma non basta

Agora Zonapontina, Scala, ‘Ringrazio i miei giocatori, sanno cosa dare in campo’

Il Faro on line – La Coppa Latina dell’Agora Zonapontina si chiude ai quarti di finale, con un bellissimo ed avvincente 5-5 contro lo United Latina. Passano i padroni di casa, per il miglior piazzamento durante la regular season.

Non aveva mai pareggiato durante tutta la stagione, eppure la prima volta che l’Agora Zonapontina ha ottenuto un 5-5, non è nemmeno riuscita a gioire visto che, dopo i tempi supplementari, è valso l’eliminazione dalla Coppa Latina.

Una partita incandescente, ma quanto mai dura e combattuta dove la squadra rossoblu ha dato davvero tutto. Bisognava superare una montagna, come quella dello United Latina, capace di arrivare terza in classifica durante la stagione, con ben 22 punti sopra la formazione di Di Cesare.

Nonostante le assenze da ambe due le parti però, il distacco di classifica non si è visto soprattutto dopo che la Zonapontina è riuscita a recuperare l’iniziale 3-0 dei padroni di casa, con le reti di Morano, Torelli e Saltarelli. Nella ripresa, meno strappi e più equilibrio con gli ospiti, sempre a rincorrere prima con Pigini e poi con Bacoli. Tante le occasioni, per provare a passare in vantaggio, ma tante anche le azioni sprecate e gli interventi di un Sabatino superlativo.

Alla fine resta l’amarezza di una gara bellissima, ma anche la soddisfazione di aver messo alle corde una possibile finalista di questa manifestazione: “Dispiace chiudere così un’annata incredibile – ha detto il direttore generale Stefano Scala – e sono costretto a ripetermi nel ringraziare questi ragazzi. Per giocare e vincere questo quarto di finale hanno fatto di tutto ed hanno dato il 200% – ha commentato Scala e parlando del futuro, ha detto – è la giusta base da dove ripartire, perché anche se capisco la loro amarezza, abbiamo saputo dimostrare, soprattutto a noi stessi, che nonostante una stagione difficilissima come questa sul campo, sappiamo giocarcela sempre.

Ora è davvero il caso di riposarsi, perché ci sono giocatori che non hanno mai staccato la spina ed altri, che hanno bisogno di ricaricare le pile. L’Agora Zonapontina non finisce qui – ha proseguito a dire, il Direttore Generale – ripartendo da mister Di Cesare cercheremo di fare quegli accorgimenti necessari, per completare un gruppo di grande spessore. Non dovevamo vincere questa Coppa Latina, anche se siamo scesi in campo per arrivare più in fondo possibile. Ci è mancato poco, per fare una grande impresa, affrontando una squadra rodata in questi tanti anni di serie D, mentre la nostra è la prima apparizione. C’è sempre una linea sottile tra la presunzione di vincerle tutte e l’umiltà di rispettare chiunque – e concludendo, ha aggiunto – abbiamo sempre cercato di percorrere questa linea con grande equilibrio e credo che questa partita l’abbia dimostrato”.