Seguici su

Cerca nel sito

Convegno a #Pomezia sulla violenza di genere ‘Dai voce al suo silenzio’ foto

Dureghello: "La diversità non vuol dire sottomissione dell'altro e le leggi servono a poco se non c'è il coraggio della denuncia"

Convegno a #Pomezia sulla violenza di genere

Il Faro on line – “Dai voce al suo silenzio” è il titolo del convegno che si è svolto a Pomezia sul tema della violenza di genere e che ha visto la presenza di oltre 600 studenti provenienti da sei istituti scolastici secondari di secondo grado delle città di Anzio, Pomezia e Ostia.

Organizzato dall’Istituto scolastico Via Copernico di Pomezia e dall’Associazione Grande Pomezia, l’incontro ha messo insieme il mondo della scuola e le Istituzioni, impegnandole in un lavoro comune, con l’obiettivo di abbattere il muro del silenzio che soffoca la volontà di denuncia delle donne che subiscono violenza.

“La strada che stiamo percorrendo, per sensibilizzare le nuove generazioni verso tematiche così importanti per la nostra società, è quella giusta”, dichiara nel suo saluto di apertura, Andrea Ruggeri, fondatore dell’Associazione ‘Grande Pomezia’, mentre Angela Gadaleta, direttore scolastico dell’Istituto Via Copernico, ha spiegato l’importanza di far conoscere le attività che le forze dell’ordine sviluppano per contrastare la violenza contro le donne.

“Le istituzioni – dichiara il ministro della salute, Beatrice Lorenzin – sono chiamate a fare la loro parte, a stare vicino a chi subisce questi soprusi. C’è un dato allarmante: ogni giorno, in Italia, più di una donna viene uccisa. Ecco perché è fondamentale l’esempio personale per cambiare davvero le cose”.

“Giornate come questa aiutano, perchè offrono stimoli e informazioni preziose. – ha commentato Lucia Annibali, che oggi collabora con il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri – Responsabilità e scelta sono due parole chiave, che aiutano ad essere se stessi, perchè le leggi sono utili ma poi è l’essere umano a fare la differenza. Dobbiamo trasformarci in contenitori pieni di gesti positivi”.

“La collettività – ha detto il magistrato Francesco Prete – deve sempre emarginare i protagonisti di questi atti violenti. Dal 15 giugno prossimo sarà pertanto operativo un protocollo sul territorio di competenza della Asl Roma 6 che permetterà di dare una risposta concreta”.

Il giudice e drammaturgo Gennaro Francione ha ricordato la propria esperienza di magistrato, auspicando nuove iniziative insieme agli studenti; mentre Fabrizio Cicchini si è soffermato sulle storie dei giovani che arrivano dalla Casa Famiglia ‘Chiara e Francesco’, da lui gestita a Torvaianica, vicino Roma e lo ha fatto attraverso dei contributi audio e video molto forti.

Durante il collegamento via skype con la Questura di Brindisi, è poi intervenuto il questore Maurizio Masciopinto ed è stato presentato il video della campagna di comunicazione realizzato dalla Questura e che ha rivelato un dato agghiacciante: nel 2016 sono state 120 le donne uccise e 1400 quelle che hanno subito violenza.

E’ stato quindi proiettato il cortometraggio intitolato ‘Acquapura’, vincitore della prima edizione del Premio ‘Palmina Martinelli’, istituito per ricordare la giovane brindisina che nel 1982, all’età di 14 anni, fu uccisa dal proprio fidanzato perché rifiutò di prostituirsi. A realizzarlo è stato il Liceo Classico di Brindisi ‘Benedetto Marzolla’.

Nel corso del convegno, presentato dalla conduttrice televisiva e radiofonica Rossella Brescia, ci sono stati spazi riservati a performance musicali, teatrali e cinematografiche. Si sono esibiti il rapper Piergiorgio Grosso (alias Grossover) e il Gruppo teatrale diretto dalla professoressa Nicoletta Martuccio ‘Artisti per caso e per diletto’, tutti studenti dell’istituto Via Copernico.

Il Laboratorio integrato nella lingua dei segni ha proposto la cover di Ermal Meta ‘Vietato Morire’, mentre l’Associazione ‘Il sorriso di Arianna’, presieduta da Manuela Emili e dedicata a una giovane vittima del terremoto del centro Italia dello scorso agosto, ha presentato un fumetto intitolato ‘Alive’.

I lavori sono stati chiusi dalla presidente dell’Associazione ‘Grande Pomezia’, Costanza Cicero. Un intervento molto apprezzato il suo, durante il quale ha ringraziato le autorità, gli ospiti e i genitori degli studenti presenti in sala. Toccante il passaggio in ricordo del generale Luigi Ramponi, tra i primi sostenitori dell’Associazione “Grande Pomezia”, venuto a mancare alcune settimane fa.

La Cicero ha infine sottolineato l’importanza dell’adesione alla manifestazione da parte degli imprenditori locali, rimandando alle future iniziative in programma su temi sempre di grande attualità.