Seguici su

Cerca nel sito

Dieci anni di notizie, buon compleanno al Faro on line

Primo traguardo per un quotidiano che ogni giorno offre notizie e approfondimenti h24, d'estate come d'inverno, senza pause né feste. E gratis per la collettività

Dieci anni di notizie, buon compleanno al Faro on line

Il Faro on line – “Seeeee, e chi lo legge un giornale sul computer. Tra tre mesi chiudi…” E’ iniziata così, sotto… i migliori auspici, l’avventura chiamata Faro on line. Era il gennaio 2007, e nella testa mi rimbalzava l’idea di fare un giornale su quelle che all’epoca erano le nuove tecnologie. C’erano ancora i modem che facevano quello strano rumore prima di collegarsi, la velocità di caricamento era quella di un bradipo, internet per molte persone era ancora un “sentito dire”.

Eppure già si intravedevano i limiti del giornale cartaceo: i costi della carta sempre in aumento, quelli della distribuzione, l’inchiostro, e un pubblico meno attento, che andava sempre più di corsa, senza voglia di leggere. In America si parlava dell’annuncio del New York Times di passare esclusivamente all’on line, a gennaio Steve Jobs presentava l’I-Phone (poi lanciato a giugno). Stava per accadere qualcosa…

E allora registrai il dominio ilfaroonline.it, chiamai un mio amico esperto di programmazione e gli chiesi di fare un giornale con certe caratteristiche. All’epoca ero solo a lavorare a questo progetto, e dunque chiesi un format che mi consentisse di cambiare e presentare tre notizie per volta (poi divennero dieci, ora non si contano neanche più nella home page). L’esperimento partì da Fiumicino qualche mese dopo, a luglio appunto, per testare il gradimento del pubblico.

Mi appoggiai per un anno a un portale esistente, Fiumicino on line, dove inglobammo il Faro on line, e per un anno procedemmo col test, utilizzando la formula del doppio nome. Fu un successo, e il Faro on line si sganciò dall’esperimento – un po’ come un modulo nell’atmosfera pronto per partire verso l’infinito – e proseguì sul dominio madre, ilfaroonline.it.

Il primo step fu allargarsi all’intero litorale romano, da Ladispoli-Cerveteri a nord fino ad Anzio-Nettuno al sud. Il secondo e ultimo step, negli anni, fu l’intera linea della costa, da Montalto di Castro fino a Minturno. Un’idea diversa di giornale territoriale, che avesse il mare come linea comune e non solo un’area geografica stabilita dai confini di un comune o di una provincia.

E per questo nel 2012 ricevemmo il premio di Miglior progetto editoriale nell’ambito del Festival nazionale dei quotidiani on line locali.

Nel tempo sono molte le persone che hanno contribuito alla crescita del giornale, e le ringrazio tutte; da quelle che ci credettero i primi anni a chi in questi ultimi ha preso per mano il giornale e insieme a me lo sta facendo crescere, a quelle che mi stanno vicino dall’inizio fino a oggi. Ai ragazzi e alle ragazze che sono cresciuti col Faro (a proposito, abbiamo consentito a una decina di loro l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti) e a chi si avvicinerà nel prossimo futuro.

Passione, notti insonni, voglia di cercare notizie che altri non danno, competenza, onestà, precisione nel controllare. Il Faro on line è tutto questo, e spesso capita di essere i soli a seguire argomenti “spinosi”. Noi ci mettiamo la faccia, sempre, e alla fine questo paga; anche in termini di scoop, se è vero come è vero che siamo molto spesso i primi a dare notizie importanti per la città.

Abbiamo subito negli anni due pesanti attacchi hacker, molte critiche ingenerose perché nate da considerazioni di parte; abbiamo pagato sulla nostra pelle il desiderio di indipendenza, ma siamo andati avanti.

Gli sponsor che mettono il nome della propria azienda sul Faro on line sanno che significa qualcosa: avere un ritorno in termini di visibilità – senz’altro – ma anche partecipare a un progetto che da sempre è stato “sociale” oltre che “giornalistico”. Il Faro on line non è solo un giornale, è un’idea di comunità che passa per la condivisione delle notizie.

Anche perché l’essenza del giornalismo è e dovrebbe restare questa: essere al servizio della collettività, in maniera totalmente gratuita (sia nel senso economico che in quello emotivo del termine).

In questo nostro decennale abbiamo fatto ulteriori passi in avanti: una app, il bot su Messenger, il restyling della grafica e della programmazione del giornale per renderlo più performante sui social; organizziamo convegni sui temi importanti per l’economia del territorio, presentiamo corsi di giornalismo e fotogiornalismo, laboratori pratici di giornalismo per bambini.

E’ una fatica improba, ma anche una soddisfazione immensa sapere di essere utili da dieci anni alla crescita di una collettività, di poter davvero rappresentare un “faro” per ciascuna delle località che tocchiamo.

“Tra tre mesi chiudi”, mi dissero. Eh già… io sono ancora qua.

 

Dalla pagina Facebook del Comune di Fiumicino gli auguri del sindaco Esterino Montino

Fabrizio Santori, consigliere Regione Lazio

Riccardo Agostini, consigliere Regione Lazio

 

Gli auguri dell’on. Mario Baccini

Dieci anni di informazione, news curiosità, dieci anni di vita del territorio raccontati con professionalità e competenza. Questo traguardo raggiunto da il Faro è solo l’inizio di una stagione ricca di successi che speriamo accompagni con sempre maggiore entusiasmo il quotidiano della nostra città e del suo territorio. Auguri al direttore e a tutti i redattori e collaboratori de il Faro per il primo decennio e buon lavoro per i prossimi. Mario Baccini, presidente Fondazione Foedus

Gli auguri del gruppo consiliare di opposizione a Fiumicino

“La conquista della libertà è stata negli anni un percorso durissimo che ha trovato vari alleati, in primis l’informazione e la comunicazione. Se oggi Fiumicino ha conquistato in parte una posizione di maggior democrazia, con dibattiti liberi e aperti, un ruolo fondamentale l’ha giocato il Faro on line che in 10 anni di attività ha saputo dar voce a qualsiasi anima della città.

In quest’ottica oltre a fare gli auguri al direttore Angelo Perfetti e a tutta la sua redazione, diciamo a loro grazie per l’opportunità che hanno dato ai nostri concittadini, grazie per la puntualità e la schiettezza con cui Il Faro on line ha saputo affrontare temi scottanti e delicati. Un quotidiano così attivo diventa un faro non tanto nel nome quanto nei fatti per chi questa città la deve amministrare”.

Lo dichiarano i consiglieri comunali Federica Poggio, Mauro Gonnelli, William De Vecchis, Raffaello Biselli, Giuseppe Picciano