Seguici su

Cerca nel sito

Lettere al direttore

Le mamme di #Cerveteri verificano la sicurezza dei mezzi del trasporto scolastico

Rilevate diverse irregolarità e ben 6 pulmini totalmente privi di cinture di sicurezza.

Le mamme di #Cerveteri verificano la sicurezza dei mezzi del trasporto scolastico

Dal problema di una mamma di Cerveteri, che disdisse il figlio perché questi segnalava una mancanza di sicurezza sullo scuolabus, alla sicurezza partecipata: il prossimo anno scolastico, da settembre 2017 avremo la necessità di  iscrivere nuovamente i nostri figli al trasporto scolastico.  Ecco la situazione:

Durante questo ultimo anno e non solo,  alcuni genitori disdissero il servizio scuolabus in quanto sembrava non avere tutte quelle caratteristiche evidenziate invece nel Capitolato d’appalto vinto.  Pertanto, in questa fase di dubbio, abbiamo raccolto le loro segnalazioni, cercato documentazione ed effettuato sopralluoghi,  ma quando abbiamo ricevuto segnalazioni dello stesso tenore anche dal personale impiegato, comprendemmo  che necessitavano controlli non più solo a livello utente (genitori), ma anche delle autorità competenti. Così  la nostra associazione di volontariato, quale è Mamme Etrusche, molto attiva sul territorio e disponibile a comprendere e trovare soluzioni logiche e tempestive, si è attivata immediatamente con le forze dell’ordine e le altre autorità competenti in materia.

Dai controlli effettuati dalle Autorità preposte  è emersa una situazione che da genitori consideriamo gravissima.  Prima di tutto, i documenti richiamati e le testimonianze del personale, attestano che fino ad aprile 2017  vi era una situazione irregolare su aspetti della massima rilevanza !

Le irregolarità riguardavano sia il personale – autisti ed assistenti –  privi delle tutele sulle norme di sicurezza dei luoghi di lavoro, ma  anche ben 6 pulmini totalmente privi di cinture di sicurezza, questi ultimi però facenti parte dell’elenco certificato dalla stessa azienda scuolabus come mezzi utilizzati per il trasporto scolastico dall’inizio dell’appalto del 7 gennaio 2016 almeno alla data del verbale del 13 aprile 2017.

Riportiamo le dichiarazioni degli Assessori Zito e Cennerilli riprese dalla stampa locale e disponibili su internet proprio il giorno dopo il sopralluogo dei Vigili Urbani , il 14 aprile 2017 che citiamo testualmente : “L’Amministrazione – ha specificato l’Assessora Francesca Cennerilli – continuerà a vigilare sulle garanzie date dall’azienda nell’interesse dei lavoratori del servizio e delle famiglie dei bambini che utilizzano i nostri scuolabus” – “Anche sul piano dei servizi e degli adempimenti previsti dal contratto di appalto siglato tra l’azienda e il Comune – ha aggiunto il Vicesindaco – ci è stato confermato che entro pochi giorni l’azienda provvederà ad attivare tutti gli investimenti e i servizi previsti”.    Per dinci !  La sicurezza cos’è per i nostri amministratori ?

Chi può garantire a settembre che tutte le condizioni e sottolineiamo tutte del Capitolato d’appalto siano rispettate ?

Le domande inoltrateci dai genitori e che giriamo alla classe dirigente responsabile sono:

1)     Il Capannone condonato per 5 anni da agricolo a industriale presenta tutte le norme di sicurezza e rispetta tutte le norme igienico sanitarie, incluse le strutture per  i lavaggi dei pulmini e l’impianto di depurazione per i lavaggi ?

2)     Tutti i pulmini avranno le cinture di sicurezza ?

3)     I mezzi impiegati al trasporto sono tutti nuovi (n. 17) oltre altri 8 di scorta ? Ci sono ?  Sono impiegati come prevede il Capitolato d’A. ?

4)     I sistemi di controllo sulla posizione dei pulmini, e di conseguenza dei nostri figli, ci sono realmente ?

5)     Perché i bambini devono perdere ore preziose di lezione per via dello “scalo di scambio ” che comporta su 170 gg. la perdita di 85 ore di lezione, perché mai nessuno ha pensato a questo correggendolo, seppure era già stato segnalato negli anni da svariati genitori ed insegnanti della Scuola Salvo d’Acquisto ?

6)     Come è organizzata l’azienda del trasporto scolastico per lo svolgimento ed il rispetto del Capitolato ?

Attendiamo una risposta entro e non oltre il 20 di agosto vista l’importanza del tema e la prossimità dell’inizio del nuovo anno scolastico e la necessità del trasporto scolastico .

In ultimo desideriamo informare la collettività che abbiamo seri dubbi sull’organo di  controllo che in base alla delibera di Giunta n. 18 del 25.02.2015 stabilì di avvalersi della fornitura di un servizio di supporto tecnico amministrativo finalizzato alla progettazione della gara (e va bene) , e per la successiva cura del controllo (ove grazie agli interventi richiesti alle autorità abbiamo invece appreso che ai controllori, qualora ci fossero realmente stati, non hanno visto 6 pulmini su  18 senza cinture (n. totale di scuolabus rilevati dai vigili urbani all’atto del sopralluogo)  di sicurezza insieme al mancato rispetto della normativa del DLgs 81/08 presso il Capannone – un unico capannone !!)

Queste  gravissime difformita’a nostro avviso e di quello dei genitori che ci seguono e segnalano,  non dovevano assolutamente sfuggire ad una squadra chiamata appositamente per il controllo, né a loro, né ai nostri due Assessori, bastava veramente “una sbirciatina”al Capannone,  e scusate l’ironia ma è per d’obbligo in questi casi .

Non spettava a noi sincerarsi di questa situazione, ma trovando una serie di ambiguità, lo abbiamo fatto nel poco tempo disponibile per la sicurezza dei bambini e per il rispetto che abbiamo per questi lavoratori.

Questo supporto tecnico  ci è costato € 10.000 oltre Iva e oneri, già liquidati – Determina d’impegno n. 588 del 2015, ordine di liquidazione n. 1571 del 2015 e n. 536 del 2016.  E come è giusto che sia attendiamo fiduciosi una replica  esclusivamente con documenti firmati che attestino gli eventuali controlli fatti, siamo tuttavia consapevoli che i verbali in nostro possesso sono chiari e che ci dovranno essere delle giustificazioni a cui presteremo come sempre la nostra più alta attenzione.

E’ doveroso a questo punto  richiedere la massima trasparenza in particolare,  chiediamo e pretendiamo la pubblicazione del verbale della commissione di gara con tutte le relative offerte  ed il verbale della commissione di audit del 17 maggio 2016  !

Al supporto tecnico di cui sopra sarebbe poi forse stato affiancato anche un’altra figura il Direttore Esecutivo del Contratto, ve ne è riferimento nella determina n. 588 del 2015, ma sull’albo pretorio non vi è alcuna notizia.  Il costo di altre 10.000 euro oltre oneri ed Iva, chiediamo semmai abbia ricevuto l’incarico dal Dirigente Area competente.

Il nostro pensiero corre a quei mezzi senza le cinture di sicurezza che per 15 mesi hanno percorso su e giù il nostro Comune con i bimbi a bordo.  Siamo sicuri che quei ragazzi, i nostri figli in quei giorni, mesi e anni, siano stati fortunati a non avere avuto un incidente grave.
Non ci sarebbe stata salvezza per nessuno in caso di una tragedia.
Riflettete sulle vostre responsabilità dirette o indirette. Forniteci i documenti richiesti e fate tutto ciò è in vostro potere al fine di garantire la sicurezza, ma pretendiamo quella partecipata !

Associazione di volontariato Mamme Etrusche