Seguici su

Cerca nel sito

A #Latina l’evento ‘La città accessibile’

Ciccarelli: "Sarà un’occasione importante per parlare di accessibilità nel suo significato più alto".

Il Faro on line – Comune, associazioni e cittadinanza a confronto sul tema dell’accessibilità e dell’eliminazione delle barriere fisiche, ma anche sensoriali, percettive e culturali. Si svolgerà venerdì 13 ottobre, nei Giardini del Palazzo comunale e sotto la Torre civica, a partire dalle 15.30, l’evento “La città accessibile” organizzato dal Comune di Latina in collaborazione con il coordinamento “Via libera” che riunisce le associazioni di volontariato e promozione sociale presenti sul territorio e con i rispettivi Osservatori comunali.

Il pomeriggio sarà scandito da tre momenti: fino alle 17 si potranno visitare gli stand delle associazioni impegnate sul fronte dell’accessibilità, il percorso espositivo allestito racconterà gli obiettivi che l’Amministrazione intende perseguire per rendere Latina una città accessibile e inclusiva per tutti.

Alle 17 si aprirà il confronto tra amministratori ed esperti: l’Assessore al Governo del Territorio, Lavori pubblici e Trasporti Gianfranco Buttarelli intervisterà l’architetto Fabrizio Vescovo, pioniere dei concetti di accessibilità e fruibilità generalizzata; l’Assessora al Welfare, Partecipazione e Pari opportunità Patrizia Ciccarelli intervisterà Giorgio Raffaelli, Presidente del Festival per le Città Accessibili. Nello spazio dedicato al dibattito Interverranno anche il Sindaco Damiano Coletta e Angelo Mangullo del coordinamento “Via libera”.

Alle 19 ci sarà un momento dedicato allo spettacolo con Felice Pantone, musicista e cantastorie ufficiale per le città accessibili, e il coinvolgimento dei ragazzi dell’associazione Diaphorà.

“Sarà un’occasione importante per parlare di accessibilità nel suo significato più alto  – afferma l’Assessora Ciccarelli – intesa in senso lato, non solo fisico-ambientale. L’accessibilità non è solo assenza di barriere architettoniche, ma una città più semplice e vivibile per tutti.

Non si tratta di eliminare, ma di progettare pensando ai bisogni dei disabili come a quelli degli anziani o delle famiglie con bimbi piccoli e passeggini. Una città accessibile è una città più bella e comoda per tutti. Questa è la sfida che come Amministrazione ci siamo posti” – conclude l’Assessora.