Seguici su

Cerca nel sito

Todis Lido di Ostia Futsal, sconfitta all’esordio, Rosati, ‘In cerca della nostra identità’

Non bastano tre gol di Rosati, Cano e Ugherani. E’ l’Odissea 2000 a festeggiare al Pala di Fiore

Todis Lido di Ostia Futsal, sconfitta all’esordio, Rosati, ‘In cerca della nostra identità’

Il Faro on line – Il Todis Lido di Ostia Futsal gioca un buon futsal per oltre trenta minuti, va in vantaggio prima sul 2-0 e poi sul 3-2, ma alla fine è costretta a cedere all’Odissea 2000 nello storico esordio in serie A2.

Una festa a metà, quindi, per i ragazzi di mister Roberto Matranga, illusi dai sigilli di Rosati, Cano e Ugherani: «Abbiamo peccato di esperienza, d’altronde siamo una squadra giovane – dice proprio l’ala pivot classe 1991 Enrico Rosati, autore del primo storico gol lidense nella seconda categoria del futsal nazionale – nel primo tempo siamo andati benissimo e abbiamo dimostrato di poter essere superiori dell’avversario, poi abbiamo cominciato il secondo tempo con la testa giusta e siamo andati avanti di due reti. A quel punto abbiamo subito una prima rimonta da parte degli ospiti, ma non ci siamo scoraggiati e siamo andati di nuovo in vantaggio. Successivamente ci è capitato un autentico black out che ci è costato la gara: in serie A2 quei passaggi a vuoto non te li puoi permettere perché li paghi, cercheremo di capire con il mister che cosa possa essere accaduto: forse ci siamo sentiti troppo sicuri una volta in vantaggio, mentre loro hanno avuto il merito di continuare a giocare fino alla fine su ogni pallone».

L’ex Latina e Prato parla dell’obiettivo del Todis Lido di Ostia Futsal in questa stagione. «Innanzitutto dobbiamo cercare la nostra identità e poi potremo toglierci delle soddisfazioni, capendo chi siamo e facendo il nostro percorso». Il calendario propone la tosta sfida esterna contro i baresi del Noicattaro per sabato prossimo: anche i prossimi avversari hanno ceduto all’esordio (5-1 contro la Salinis) e dunque sarà già una sfida piena di significati e tensioni. «In questo girone ogni partita fuori casa sarà una battaglia, ma noi da quel punto di vista siamo pronti visto che non ci fa difetto la personalità». Rosati parla con soddisfazione del suo inserimento nel gruppo lidense. «Mi sono subito trovato benissimo con i compagni, lo staff tecnico e quello dirigenziale: sono contento di aver fatto questa scelta».