Seguici su

Cerca nel sito

#Cerveteri, ‘Barattopoli’ nelle scuole dell’infanzia per insegnare uno scambio solidale

Scuolambiente raccoglierà anche tutti gli oggetti non scambiati per donarli ai bambini ricoverati in due diverse strutture.

Il Faro on line – Dare nuova vita gli oggetti che non usi più. È questo l’obiettivo di “Barattopoli … lo scambio solidale“, l’iniziativa che l’associazione di volontariato Scuolambiente nella mattinata di lunedì 20 novembre porterà nelle scuole dell’infanzia di Cerveteri in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti.

I volontari dell’associazione, dalle ore 10.00 alle 12.00 saranno presso i plessi scolastici del Marieni e della Montessori, dove ogni bambino potrà portare un gioco, un dvd, un libro o un giocattolo che non utilizza più e scambiarlo con i propri compagni.

L’iniziativa, è patrocinata dall’assessorato all’Ambiente del comune di Cerveteri e dalla presidenza della regione Lazio.

“Una bellissima iniziativa – dichiara Elena Gubetti, assessora all’Ambiente del comune di Cerveteri – che vede coinvolta un’associazione che oramai da più di un quarto di secolo opera nel nostro territorio come sempre a stretto contatto con le scuole e con i bambini.

Barattopoli‘ ha una duplice finalità: se da un lato invoglia i più piccoli a dare nuova vita a dei giocattoli o a degli oggetti che non usava più da tempo scambiandoli con altri compagni, dall’altro ha un fine benefico. Tutti gli oggetti non scambiati infatti, verranno raccolti da Scuolambiente, e portati ai bambini ricoverati all’ospedale Bambin Gesù e che sono ospitati presso la struttura di Casa Ronald a Palidoro.

Unica condizione, – prosegue Gubetti – ovviamente, è che tutto il materiale sia in ottime condizioni. Invito dunque tutte le famiglie dei bambini dei due plessi scolastici, a portare uno o più oggetti.

Ringrazio di cuore i volontari dell’associazione per questa lodevole attività,  – conclude l’Assessora – e il personale e le docenti delle due scuole per aver aderito a questo interessante progetto”.