Seguici su

Cerca nel sito

Le notizie dal territorio

Articolo Redazionale

Il peso dei social network nel marketing odierno

Il web classico è già storia passata

Come cambia il marketing con le ultime tendenze della rete? È una domanda interessante e dalle molteplici risposte. Di sicuro sappiamo che negli ultimi anni tutto il mondo dell’advertising e del marketing si è spostato in massa nel mondo della rete.
Dopo i classici banner a richiesta per i siti web, siamo passati a sistemi di targettizzazione avanzati attraverso le campagne Google, questo sistema è stato considerato il top del marketing online fino all’avvento dei social e alla loro diffusione a tappeto.

Sono proprio i social a cambiare radicalmente una realtà che sembrava essersi fossilizzata sulla pubblicità Adsense, rendendola di fatto più dinamica e aprendo nuove prospettive per il futuro del marketing attuale.

I social network sono infatti andati ad intaccare il classico sistema di ricerca Google, ponendo di nuovo l’utente in una posizione passiva rispetto al contenuto.
Spieghiamoci meglio, mentre con la ricerca online l’utente andava in cerca di ciò che desiderava, incontrando poi della pubblicità contestuale direttamente su Google o sulla pagina desiderata, con i social l’utente si limita a scorrere la sua home, “subendo” il contenuto in un modo molto simile a quello che poteva accadere nel contesto televisivo.

I contenuti visualizzati si adattano alle nostre scelte e ai nostri like (oltre che a campagna a pagamento da parte di terzi), questo non toglie il fatto che non siamo noi ad andare in cerca di un determinato contenuto, questo ci viene invece proposto, comparendo sulla nostra pagina e lasciandoci a quel punto liberi di approfondire o meno.

I social creano così un nuovo modo di fruire la rete, così come un modo alternativo di fare marketing. Bisogna infatti adattarci a questo sistema e produrre contenuti pubblicitari capaci di attirare l’attenzione in mezzo alla vastità di informazioni presenti nella pagina, nascono quindi video, vengono messe in evidenza foto accattivanti, di qualità o meno e così via, nel tentativo di sfruttare un target di clientela ben preciso ma sempre più difficile da attirare verso il nostro prodotto.

Sponsor e influencer
Altro elemento da non sottovalutare e ben presente in ogni tipo di categoria (dallo sport ai fumetti, dai libri ai videogames) è quello degli influencer, che altro non sono che persone con profili particolarmente seguiti, personalità del web rispettate a ascoltate da milioni di persone. Questi seguitissimi utenti sono capaci di veicolare messaggi e influenzare la scelta e l’opinione dei propri utenti.

Ecco quindi come vengono utilizzati per far scoprire nuovi prodotti all’utenza, o per pubblicizzare questo o quest’altro elemento.
Ci troviamo di fronte a una forma nuova dello sponsor; l’influencer può scegliere di parlare di qualcosa di particolare e “regalare” una pubblicità che raggiungerà milioni di utenti, spesso e volentieri però, questi utenti speciali, vengono retribuiti per prendere in considerazione determinati elementi e garantire quindi risultati straordinari.

Uno dei punti forti degli influencer è la loro capacità, non solo di far conoscere il prodotto, ma di portare l’utente ad acquistarlo per imitazione o per stima. Una vera e propria arma di marketing di rara potenza che va a unire target e autorità dello sponsor, dando vita a una specie di sistema perfetto.
Ovviamente, ottenere il supporto di un influencer di livello può costare parecchio denaro, questo non toglie però che l’effetto finale possa essere sorprendente.

Come nascono gli influencer?
Gli influencer sono di base persone capaci di muovere le masse e di ottenere grandissimi risultati attraverso i loro contenuti. Ci troviamo quindi di fronte ad utenti che giocano sulla simpatia così come sulla sensualità, sull’inventiva, sulla creatività, a seconda del canale e della tematica che troviamo.

Quello che è certo è come queste persone riescano a muovere letteralmente milioni di utenti, diventando vere e proprie star del web, superiori in valore anche a quelle televisive (stiamo parlando di canali che fanno anche 5 milioni di visualizzazioni per ogni contenuto).

Il segreto degli influencer più recenti è l’approccio business alle loro attività web. Non si diventa una star dal niente, ed ecco che questi personaggi finiscono per utilizzare spesso strategie ben precisi, team di supporto a pianificazione e acquisto di like e followers per le loro piattaforme.
Su siti come Social Media Daily è infatti possibile acquistare pacchetti di like e followers, è in questo modo che anche chi non ha cavalcato l’ondata dei social può rendersi competitivo e iniziare a farsi conoscere sul web.

L’acquisto di like sui social
Acquistare mi piace è una pratica che non serve solamente per il lancio dei canali, è un elemento che, specialmente nel campo marketing non è trascurabile per una questione di immagine.
Prendiamo l’esempio di un brand di qualità che decide di aprire i suoi canali, apparire con pochissimi utenti che ci seguono è una terribile mossa di marketing che può danneggiare il nome dell’azienda. Molto meglio invece presentarsi con una seguito di followers capaci di darci quell’autorità che conquisteremo poi con la nostra utenza fidelizzata.

L’acquisto di like e follower è diventata una pratica che fa da scheletro per la riuscita di un’operazione di web marketing e per il lancio di pagine e canali. Per una questione statistica gli utenti tendono infatti a snobbare le pagine con poche impressioni, stessa cosa vale per i motori di ricerca interni che tendono a mostrare solo ciò che è più in voga e a penalizzare invece chi tenta di farsi notare sfruttando solo i suoi contenuti.

Non è tanto una questione di giusto o sbagliato, stiamo semplicemente parlando di meccaniche e le meccaniche sono proprio queste. Ecco che tra le varie frontiere del web marketing si aggiungono piccoli dettagli capaci di rivoluzionare le strategie degli esperti e di dar vita a nuove tendenze e tecniche per migliorare immagine e visibilità di un prodotto.

Il web classico è già storia passata, quella di adesso è l’era dei social e degli influencer, chi si occupa di marketing non può trascurare questa branca fondamentale del mercato, con crescente richiesta di esperti e un fatturato in continua crescita, arriveranno nuove tecnologie e nuove

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Il Faro Online, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.