Seguici su

Cerca nel sito

Record di presenze alla Tombolata di beneficenza

Fiumicino - L’evento, organizzato dalle associazioni 2punto11 e boys 90, ha richiamato oltre oltre 5000 spettatori

Più informazioni su

Il Faro on line – Si e’ svolta domenica 4 gennaio presso il palazzetto dello sport di Fiumicino la prima edizione della “Tombolata di Beneficenza”, organizzata dall’Associazione Culturale 2punto11 e dall’Associazione Boys 90, il cui ricavato verra’ interamente devoluto alle associazioni “Soccorso Sociale per i bambini di Beslan” e “Riportiamo Gabriele in Italia”.
Alla tombolata presentata magistralmente da Stefano Locci, con la partecipazione del cabarettista Enzo Salvi, si sono esibiti i ragazzi della scuola di ballo “Mille Luci Dance” di Sabrina Caruana e Francesco Silvestro ed il gruppo musicale “Ciao Belli! Band” con Valentina Di Rollo, Alessio Romani, Daniele Romani, Gabriele Ziccarelli e Leonardo Viotto.
Grande l’afflusso del pubblico che ha riempito gli spalti ed i corridoi liberi per un totale di oltre 500 persone. Tra i personaggi pubblici erano presenti il presidente del Consiglio Comunale Mauro Gonnelli e i consiglieri Comunali Salvatore Miele e William De Vecchis che hanno dato un grande supporto per l’organizzazione e la realizzazione di questo importante evento sociale.
“Ringrazio veramente di cuore gli organizzatori di questo speciale evento – ha commentato Luca Pedichini responsabile della comunicazione dell’associazione Soccorso Sociale – il contributo che ci e’ stato donato verra’ utilizzato per i bambini di Beslan sopravvissuti alla strage”. Queste parole ci riportano indietro al primo settembre del 2004, quando a Beslan, sito nella Ossezia settentrionale, era il primo giorno di scuola e un gruppo formato da 32 fondamentalisti islamici e separatisti ceceni presero in ostaggio 1300 persone della scuola Numero Uno. L’assedio dei terroristi duro’ tre lunghissimi giorni e si concluse nel peggiore dei modi con piu’ di 300 morti, tra cui 186 bambini, e oltre 700 feriti molti dei quali ora sono mutilati e orfani.
“Ringrazio tutti per il grande aiuto che mi stanno dando per riportare mio figlio Gabriele in Italia” sono queste le parole di Leonardo Viotto che dallo scorso 8 ottobre non vede piu’ suo figlio Gabriele di tre anni e mezzo portato dalla madre in Russia senza la sua autorizzazione. La dura vicenda familiare di Leonardo è scoppiata all’improvviso dopo quattro anni di matrimonio che ha portato alla luce, nel maggio del 2005, Gabriele. “Eravamo, fino a poco tempo fa, una famiglia normale, come tante, ma all’improvviso lo scorso 8 ottobre mia moglie, uscita di casa in bicicletta per portare mio figlio a scuola, ha invece preso un aereo e portato il bambino a Mosca impedendomi di vederlo” ha concluso papa’ Leonardo.
Due storie davvero molto tristi che purtroppo sono avvenute, portando il dolore nel cuore di un papa’ al quale gli e’ stato portato via il piccolo figlio dalla moglie e portando il dolore dei bambini che stanno ancora soffrendo a Beslan, dopo una strage fatta da gente senza cuore. Questo evento della Tombolata, dallo scopo prettamente sociale e benefico, organizzato dall’Associazione Culturale 2punto11 e dall’Associazione Boys 90 e’ stato molto importante sia per aiutare coloro che ne hanno bisogno e sia per farci riflettere perche’ a volte basta un nostro piccolo sforzo, se necessario, per aiutare chi ne ha bisogno.

Più informazioni su