Seguici su

Cerca nel sito

Due rapinatori arrestati in poche ore

Ostia - Presi un italiano che ha tentato un colpo ad Acilia e un pakistano già ricercato

Più informazioni su

Il Faro on line – Nella serata di ieri, i Carabinieri di Ostia, al termine di un’intensa attività d’indagine, hanno individuato e sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria A.N., pregiudicato pakistano 36enne, ritenuto responsabile di una rapina messa a segno ai danni di un suo connazionale.
I fatti risalgono al 9 Gennaio scorso, quando un cittadino del Pakistan di 34 anni, di professione venditore ambulante, si è recato dai Carabinieri per sporgere una denuncia: lo straniero ha raccontato ai militari di essere stato aggredito a calci e pugni da tre suoi connazionali mentre si trovava all’interno dell’ex colonia “Vittorio Okkupato”, sul Lungomare Paolo Toscanelli. Una volta a terra, l’uomo è stato derubato di 500 euro. Con i pochi elementi in loro possesso, i Carabinieri hanno intrapreso un’attività di osservazione, controllo e pedinamento di alcuni cittadini stranieri riuscendo ad individuare A.N.: i militari, grazie ad ulteriori accertamenti e verifiche, hanno raccolto numerosi elementi a suo carico che hanno permesso di identificarlo quale uno degli autori materiali della rapina. Per il pakistano si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli.



Contestualmente ad Acilia, i militari della locale Stazione Carabinieri, hanno arrestato P.F. pregiudicato italiano di 32 anni, colto in flagranza di rapina in concorso.
I militari, durante un servizio perlustrativo, hanno notato i due soggetti aggirarsi lungo le vie di Acilia a bordo di un ciclomotore sprovvisto di targa. I Carabinieri hanno iniziato, a tenere d’occhio gli spostamenti dei due giovani i quali, dopo pochi minuti, sono stati  visti avvicinarsi nei pressi di un supermercato della zona. Lì, i militari, appostatisi, hanno notato che uno dei due era rimasto in sella al ciclomotore mentre l’altro era appena entrato nell’esercizio commerciale. Il “palo”, notata la presenza della pattuglia che frattanto si era avvicinata per effettuare un controllo, si è dato precipitosamente alla fuga con il motorino e, aiutato anche dall’intenso traffico, è riuscito a far perdere le proprie tracce. Pochissimi istanti dopo, dal supermercato è uscito il suo complice, armato di pistola e con il volto travisato da una sciarpa e da occhiali scuri, che vistosi ormai in trappola, ha gettato via l’arma ed ha tentato un’improbabile fuga a piedi. Il malvivente, bloccato dai Carabinieri, è stato arrestato. La pistola utilizzata dal rapinatore è risultata essere una pistola a gas tipo “soft air”, del tutto simile a quelle in uso alle Forze dell’Ordine. Anche il secondo rapinatore è stato associato al carcere di Regina Coeli.

Più informazioni su