Seguici su

Cerca nel sito

“Il consigliere Ardita si deve occupare della scuola con più attenzione”

Ladispoli – La replica dell’assessore alla pubblica istruzione, Antonio Bitti

Più informazioni su

Il Faro on line – “Invitiamo il consigliere Ardita a non diffondere notizie false come quella dell’incapacità dell’Amministrazione comunale di garantire il diritto allo studio”. Con queste parole l’assessore alla pubblica istruzione, Antonio Bitti, è intervenute sulle dichiarazioni rilasciate alla stampa dal consigliere di centro destra sulle problematiche legate alla scuola.
“Nessuno all’interno dell’Amministrazione comunale- ha proseguito Bitti -  ha sostenuto che di colpo avremo risolto i problemi riguardanti le strutture scolastiche ma da qui ad arrivare a diffondere notizie non vere e generare confusione ce ne passa. Ogni mattina quasi 9.000 tra ragazzi e ragazze, bambini e bambine, vanno a scuola nel nostro comune che, come è risaputo, è caratterizzato da una forte crescita demografica. Le difficoltà a volte derivano proprio da questa crescita notevole alla quale cerchiamo di dare una risposta continuamente. Il diritto allo studio va distinto, poi, da quelli che sono i problemi relativi alle nostre strutture, la maggior parte di nuova fabbricazione e in minima parte eredità della Ladispoli degli inizi. Ingenerare questa confusione non torna utile a nessuno”.
“Comunque – ha sottolineato Bitti – l’Amministrazione comunale dopo dieci anni ha approvato un nuovo piano di dimensionamento per rendere più efficiente e calzante l’offerta formativa e la sua estensione, integrando il tutto con alcuni interventi significativi anche da un punto di vista strutturale con la costruzione di nuove 25 aule in via Atene, per un istituto comprensivo e le nuove cinque aule di viale Florida. Nel mese di dicembre è nato il problema dell’inadeguatezza della scuola Borsellino e tempestivamente ci siamo adoperati per risolvere la questione relativa alle classi li ha ospitati. Sono state, inoltre, consegnate otto aule nuove. Con il nostro piano di dimensionamento ci siamo visti riconoscere altri tre indirizzi per le superiori sempre che i fondi della riforma li finanzino. In un contesto finanziario ed economico, le risorse a disposizione, i soldi, ci vengono dal governo, che con le sue scelte ha visto un drastico ridimensionamento dei nostri capitoli di spesa”.
“Il consigliere di centro destra – ha aggiunto Bitti – ha detto la sua anche sulla riforma Gelmini con un monologo, a conclusione dell’autogestione del liceo scientifico, nel quale ha evidenziato la sua completa ignoranza sul tema scuola, come hanno ribadito anche gli studenti che lo hanno abbondantemente contraddetto. Forse non sarebbe il caso che il consigliere di centro destra si occupasse con più attenzione, quella che meritano questi temi, e con più modestia e preparazione della scuola? Io penso che sia possibile”.

Più informazioni su