Seguici su

Cerca nel sito

Lotta all’abusivismo, ancora sigilli ad Ardea

Effettuati nel comune un totale di cinquantasei sequestri giudiziari

Più informazioni su

Il Faro on line – Operazione congiunta del personale del Comando Delemare di Torvajanica della Capitaneria di Porto e del Comando della Polizia Municipale agli ordini del comandante Francesco Tirso e del tenente Aldo Secci (nella foto) della squadra antiabusivismo.
Posto sotto sequestro giudiziario un manufatto in fase di ristrutturazione dove non sono stati rinvenuti i verbali. Indagini in corso per rintracciare il proprietario e per verificare se i lavori fossero o meno autorizzati. Da parte del sindaco un plauso per il costante controllo del litorale che sia la polizia municipale che la Delemare svolgono continuamente.
“I controlli saranno sempre più serrati”. Come ha avuto modo di dire lo stesso l’ufficiale della municipale. Nei prossimi giorni verranno infatti controllate le autorizzazioni allo scarico di quanti hanno abitazioni sul demanio. E, qualora non risultassero in regola, si potrebbe arrivare per motivi di igiene pubblica, alla chiusura delle abitazioni. Altri controlli serrati avverranno sui settecento ettari demaniali delle Salsare proprio per contrastare il crescente abusivismo edilizio, abusivismo che ha raggiunto il numero di cinquantasei sequestri giudiziari ed oltre venti notizie di reato inviati alla Procura della Repubblica di Velletri.
Purtroppo per la mancanza di certezza della pena e dell’applicazione della legge 47/85 e delle sentenze di demolizione passate ingiudicate il fenomeno non sembra arrestarsi, lasciando ad Ardea il primato di paese con alto tasso di abusivismo edilizio. Per dovere di cronaca va detto che quello commerciale non è di meno specialmente nell’area dei settecento ettari delle Salsare.  Il manufatto posto sotto sequestro si trova nell’area dove il mese scorso sono state abbattute delle case abusive e a circa cento metri dalla baracca dove venne trovato decapitato un uomo di origine indiana.

Più informazioni su