Seguici su

Cerca nel sito

Farmer’s Market. E la mensa pasquale parla romano

Ricotta fresca, ortaggi d'ogni tipo, frutta, formaggio, carni ovine e non, conserve fatte in casa, legumi, olio extravergine, pane cotto a legna, dolci. Tutto proveniente dalle aziende della campagna romana e della provincia, tutto appena colto (o munto, o sfornato), tutto di qualità e a basso impatto sul portafoglio, grazie alla "filiera corta" e ai pochi chilometri fatti per arrivare al mercato. Per imbandire la tavola di Pasqua e Pasquetta, la soluzione intelligente è il Farmer's Market all'ex Mattatoio di Testaccio (ingresso da largo G.B. Marzi, presso Ponte Testaccio), aperto il sabato della Vigilia.

Il Farmer's Market è ormai una buona abitudine per i romani: dal 2008 i visitatori nel weekend si sono moltiplicati oltre ogni aspettativa grazie al binomio genuinità-convenienza, tipico dei veri mercati alla produzione. Non ci sono intermediari o dettaglianti sotto i capannoni del Mattatoio, solo imprenditori agricoli del territorio. Una buona occasione, tra l'altro, per rinverdire i fasti del pranzo pasquale romano. Con i sapori giusti e i prodotti canonici.

Aperto anche il mercato "Campagna Amica" di Coldiretti a via di San Teodoro (verso l'angolo con via dei Cerchi), che per la Vigilia di Pasqua promette uova fresche a volontà, a prezzo promozionale.
 
Paolo Veronesi (www.comune.roma.it)

Più informazioni su

Più informazioni su