Seguici su

Cerca nel sito

Al via i corsi di formazione per operatori Eda

Il Faro on line – “Aumentare la fruibilità dell’informazione ai cittadini, la visibilità esterna e potenziare la comunicazione interna”.
E' questo quanto si propone il corso di formazione del personale addetto al sistema Eda. In questa fase del lavoro, infatti, è di importanza capitale coinvolgere la popolazione locale con interventi mirati e sostenuti da personale qualificato.

“A tal fine – spiega il coordinatore Federico Di Carlo (nella foto) - è necessario formulare una formazione che preveda sia competenze specifiche soprattutto per quanto riguarda la prima fase di diffusione dell’informazione sul territorio sia competenze trasversali per tutti coloro che si trovano ad avere rapporti con un’utenza estremamente eterogenea. Gli obiettivi da raggiungere sono l’aumento del senso di appartenenza, la partecipazione, la crescita e la responsabilizzazione del personale al fine di facilitare la comunicazione con i cittadini nel momento del contatto. Le strategie e gli strumenti di comunicazione hanno l’obiettivo di garantire il passaggio delle informazioni utili a ciascun soggetto secondo le modalità ed i canali più appropriati e di assicurare la trasparenza del messaggio trasferito, cercando di sottrarre l’informazione istituzionale al rischio del fraintendimento, della frammentarietà e del grigiore espressivo”.

"L’obiettivo - sottolinea Di Carlo - è quello di valorizzare ciò che già esiste, ma anche di individuare ciò che non appare. A nostro avviso, a questa fase iniziale della diffusione del progetto La Rete delle Opportunità sarà necessario affiancare un successivo monitoraggio-verifica per una valutazione dei primi risultati e un’analisi degli eventuali reclami e disservizi. A seguito di questa attività si potranno allora progettare dei percorsi formativi maggiormente mirati rivolti a figure chiave nell’ambito del sistema Eda".

“Sarebbe inoltre auspicabile – prosegue Di Carlo - mettere a disposizione degli operatori di sportello dei moduli per la creazione di un primo database dell’utenza al fine di poterla seguire nelle varie tappe del percorso”.

I corsi  avranno luogo nelle medesime date a Civitavecchia, presso la Sala Conferenze della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia in Via del Risorgimento n° 8, per i Comuni del sub ambito 1  (Santa Marinella, Cerveteri, Ladispoli, Fiumicino, Tolfa ed Allumiere)

Il percorso formativo

Destinatari: dipendenti e collaboratori dei comuni del sub-Ambito 1, operatori della formazione e dell’istruzione, Cpi, Col, ecc
Obiettivi: informazioni generale sull’Eda, informazioni sulle caratteristiche territoriali ed economiche, possibili sviluppi economici e figure professionali richieste nel mercato del lavoro, l’offerta formativa, la gestione dell’utenza e primo orientamento, comunicazione e ascolto efficaci, prima valutazione delle competenze, progettazione di interventi di sostegno alla job creation

Docenti coinvolti: dott. Federico di Carlo + 3 docenti

Metodologie didattiche: lezioni frontali, esemplificazioni, analisi best practices, esercitazioni
Ore: 32  presso la sede di Civitavecchia

19 aprile: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Il sistema Eda e la normativa europea e nazionale di riferimento
La situazione socio-demografica ed economica del sub-ambito 1 (imprese locali, i settori economici, popolazione, famiglie, struttura occupazionale, il mondo del lavoro del domani professioni del futuro,competenze chiave)

22 aprile: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
I fabbisogni di educazione e istruzione e i destinatari, le caratteristiche dell’utenza, incrocio tra domanda e offerta, strategie per l’inclusione sociale dei soggetti deboli del Mercato del Lavoro
I bisogni espressi e quelli inespressi o emergenti, il sistema formativo presente nel sub-ambito 1 (formale, non formale, informale), le aree tematiche, i fabbisogni delle imprese, possibilità di implementazione e messa in rete, punti di forza e di debolezza, progettazione di interventi di assistenza all’inserimento lavorativo.

3 maggio: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Gestione dell’utenza e modelli comunicativi, le regole base della buona comunicazione (le strategie del buon ascolto), presa in carico, gestione dell'accoglienza e screening delle problematiche dell’utente. Fornire nozioni fondamentali sulle tipologie di domande e sul loro uso competente e elementi di base sulle tecniche di Ascolto attivo e di Ascolto empatico.
Modalità di procedura per riconoscere i vari gruppi di utenti svantaggiati (ad esempio ex tossicodipendenti ed ex detenuti in regime di libertà), strumenti e metodologie per sviluppare la capacità di analisi e diagnosi, il conflitto nelle relazioni, riconoscimento e accoglienza del soggetto in condizione di svantaggio, gestione dell’utente difficile.

6 maggio: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Interesse e utilità dell’utilizzo di nuove tecnologie nel sistema EdA (informazione, comunicazione, monitoraggio delle azioni e dei programmi, creazione di database, ricerca e sviluppo di nuove metodologie didattiche, sviluppo di forum, chat per docenti e discenti,  

10 maggio: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Acquisire strumenti e metodologie di assessment delle risorse personali e professionali e realizzazione di percorsi di bilancio delle competenze, diagnosi dei bisogni di individuali, analisi dei Gap e progettazione del Piano d'azione individuale.

13 maggio: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Sviluppo della consapevolezza nell’utente delle proprie aspirazioni e delle proprie qualità, possibilità di miglioramento, superamento delle difficoltà, counselling orientativo

20 Maggio: dalle ore 9,00 alle ore 13,00
Assistenza informativa e consulenza alla job creation con particolare attenzione all’imprenditoria femminile e degli immigrati, aiutare ad individuare le opportunità di accesso e di promozione dell’imprenditoria, i servizi di assistenza manageriale mirata, l’accesso al credito e alle fonti di finanziamento

27 maggio: dalle ore 9,00alle ore 13.00
Creare la rete tra formazione e istruzione, valutazione dei risultati e dell’impatto sul mercato del lavoro, gestione relazioni locali con l’impresa, progettazione delle azioni formative, competenze chiave, benchmark, metodi e strumenti per lo sviluppo del sistema Eda nel sub-ambito 1.

Più informazioni su

Più informazioni su