Seguici su

Cerca nel sito

Natale di Roma: il programma dei festeggiamenti del 21 Aprile

Oltre 30 eventi dal 18 al 23 aprile; 70 visite guidate gratuite a 19 siti archeologici e monumentali e a 18 musei; un gran finale che rievoca la storia dell'Urbe con suoni, luci e, in chiusura, pioggia di fuochi d'artificio dalla terrazza del Pincio: Roma festeggia così il suo 2763° compleanno ufficiale, riferito alla data leggendaria della fondazione (753 a.C., ma in realtà la città è nata molto prima). In epoca moderna il Natale di Roma si celebra ogni anno dal 1870, sempre facendo centro sull'immenso patrimonio storico-artistico della città; negli ultimi anni, anche sulla vocazione romana per l'accoglienza, la tolleranza, la pace, l'incontro fra culture. Vocazione che stavolta s'incarna in un'iniziativa di grande respiro che parte dall'Ara Pacis.

L'edizione 2010 del Natale di Roma è stata presentata dal sindaco Alemanno, dagli assessori Croppi (Cultura) e Marsilio (Scuola-Famiglia-Gioventù), dal sovrintendente comunale Broccoli, dal consigliere Mollicone (presidente Commissione Cultura), dal delegato allo Sport Cochi e dall'amministratore delegato di Zètema Ruberti.

Per i romani e i turisti c'è una messe di appuntamenti all'aperto e al chiuso: bande, cori, gli squilli di tromba dei Fedeli di Vitorchiano, rievocazioni storiche, spettacoli tridimensionali, conferenze, seminari, simulazioni di scavi archeologici, un vasto programma di visite guidate ai maggiori siti monumentali e a tutti i Musei Civici, aperture serali straordinarie (Musei Capitolini e mostra "L'età della conquista"), poesie romanesche e canzoni romane (vedi calendario completo). Il tutto, coronato mercoledì 21 da "Romagnificat – Suoni e luci per raccontare le storie di Roma", alle 22 e alle 23 a piazza del Popolo e, a seguire, dai fuochi d'artificio che disegneranno gli anelli olimpici nel cielo sopra la terrazza del Pincio, per salutare la candidatura romana alle Olimpiadi del 2020.

Natale di Roma, rievocazione storica.jpg

Intenso anche il programma istituzionale: mercoledì 21 deposizione di corona d'alloro al Milite Ignoto, Santa Messa in Campidoglio, presentazione della 71ma "Strenna dei Romanisti" e della medaglia del 2763° Natale di Roma; venerdì 23 l'incontro in Campidoglio per il centenario del Sindacato Cronisti Romani (1910-2010).

Last but not least, come si accennava all'inizio, l'esordio di un nuovo, ampio progetto del Campidoglio all'insegna dei valori umanitari, della risoluzione pacifica dei conflitti, della coesistenza e conoscenza reciproca tra i popoli; nel seno della tradizionale vocazione di Roma a unire e integrare (urbem fecisti quod prius orbis erat, "hai fatto del mondo una sola città", scriveva nel V secolo il poeta Rutilio Namaziano della Roma dei Cesari).

Romagnificat - suoni e luci

Mercoledì 21, in mattinata all'Ara Pacis, nasce il "Consiglio permanente per la Dignità, il Perdono e la Riconciliazione". Lo presenta il sindaco Alemanno il giorno stesso alla stampa. Il Consiglio, afferma una nota del Campidoglio, "assisterà governi, istituzioni e comunità apportando un contributo di natura etica, morale, culturale e pedagogica; garantendo che il rispetto, la comprensione e il dialogo siano parte costitutiva dei processi di pace". L'iniziativa nasce sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero degli Affari Esteri.

Per saperne di più: www.zetema.it, www.060608.it.  

Paolo Veronesi (www.comune.roma.it)

Più informazioni su

Più informazioni su