Seguici su

Cerca nel sito

Oltre 2mila firme per dire no al pedaggio

In piazza i banchetti promossi dal Partito democratico e Italia dei valori

Più informazioni su

Il Faro on line – “Pronti a tutto”. Il motto è più o meno questo. Pd e Idv hanno messo in piedi la prima delle decine di azioni dimostrative in programma per smontare il piano del Governo Berlusconi che nei giorni scorsi ha votato il pedaggio sulla Roma-Fiumicino e sul Grande Raccordo Anulare.
I banchetti promossi dal Partito democratico e dall’Italia dei valori stamattina al mercato di via della Foce Micina e alla posta centrale “sono stati letteralmente presi d’assalto”. Risultato: in poche ore sono state raccolte più di 2mila firme.

“Sapevamo che i cittadini erano contrari e delusi, ma non pensavamo a un tale successo. La risposta della cittadinanza è stata esagerata, sono tutti contrari a questa iniqua tassa” ha ammesso il capogruppo dell’Italia dei valori, Claudio Cutolo.

“Un lungo esercito di cittadini si sono messi pazientemente in fila per mettere nero su bianco il proprio no al pedaggio sulla Roma-Fiumicino. È un provvedimento assolutamente discriminatorio nei confronti dei cittadini di Fiumicino” ha ammonito Paolo Calicchio, capogruppo del Partito democratico rilanciando l’ipotesi di “un telepass a costo zero per i cittadini di Fiumicino” e quella di una “grande manifestazione aperta a tutti i cittadini, liste civiche e partiti per abolire il pedaggio”.
“Il malcontento è diffuso – ha concluso Luigi Giordano, leader dei Giovani democratici -. La gente è esasperata, non ne può più. Bisseremo l’azione dimostrativa giovedì prossimo al mercato di largo Borsellino”.

Più informazioni su