Seguici su

Cerca nel sito

A rischio il fosso di Pratica di Mare

L’allarme di Piergiorgio Benvenuti di Fare Ambiente

Più informazioni su

l Faro on line – “Nello scorso mese di settembre  ennesima moria di pesci a Torvaianica presso il Fosso di Pratica di Mare, gestito dal Consorzio di bonifica, all’altezza di Via San Paolo, oggi il fosso continua a riversarsi al mare con un inquietante colore giallastro. Sollecitiamo nuovamente le verifiche dell’Arpa Lazio e della Capitaneria di Porto di Torvaianica per un accurato controllo degli  scarichi nel fosso, ma ci chiediamo essendo analoghi episodi già ripetuti nel tempo,  quali interventi verranno realizzati e se verranno individuate definitivamente le cause”.
E’ quanto ha dichiarato Piergiorgio Benvenuti, responsabile delle relazioni istituzionali e coordinatore del movimento ecologista europeo FareAmbiente per il Lazio.
“Anche lo scorso anno, il 28 agosto 2008, avevamo effettuato una ispezione alla foce del fosso, sollecitati da numerosi cittadini che lamentano cattivo odore e liquame che si riversa direttamente in mare trovando una situazione fuori ogni limite e controllo –prosegue Benvenuti- anche in quella occasione intervenne l’Arpa, vennero effettuate analisi, ma purtroppo la situazione è rimasta la medesima, sino ad oggi”.
“Effettivamente il corso d’acqua scarica direttamente in mare –prosegue Benvenuti – senza alcuna depurazione determinando uno specchio di acqua torbida, ma soprattutto si può vedere – e dall’odore sentire – che vi si immettono scarichi abusivi. Basti osservare alcuni collettori che sbucano dal canneto nell’ultimo tratto, ma che sarebbe possibile determinare la provenienza con una accurata indagine”. “Chiediamo agli organi competenti di verificare quali scarichi vengono effettuati nel fosso, quali sono quelli abusivi e procedere di conseguenza. Chiediamo di conoscere come mai quest’anno prima della stagione estiva ormai conclusa non è stata effettuata lungo il fosso la manutenzione e la disinfestazione e soprattutto chiediamo i presunti livelli di inquinamento che produce tale corso d’acqua. Vorremmo inoltre, con la massima trasparenza conoscere con quali criteri sono state concesse le licenze per edificare in Via San Paolo, proprio accanto al fosso, lesionando parte di macchia mediterranea, in prossimità del depuratore e sopra la conduttura della rete fognaria che proviene da Campo Ascolano, villette a schiera a poca distanza proprio dall’impianto di depurazione e ci risulta dalla segnalazione di alcuni cittadini che in questi giorni ulteriori problemi alla rete della fogna si è creata all’interno dei cantieri”.
“Se non riceveremo indicazioni e soluzioni ai tanti disagi che vengono causati dall’inquinamento del Fosso di Pratica di Mare , Fare Ambiente – ha concluso Benvenuti- procederà attraverso il nostro Ufficio Legale ad un esposto per difendere i diritti dei cittadini e la difesa dell’ambiente”.

Più informazioni su