Seguici su

Cerca nel sito

Imprese, 10 milioni di euro dalla Regione

Zezza: ‘Il 60 per cento dei lavoratori irregolari nella provincia di Roma, Latina, Frosinone, Rieti e Viterbo

Più informazioni su

Il Faro on line – Dieci milioni di euro dalla Regione Lazio per incentivare le imprese del territorio all’assunzione e alla formazione dei lavoratori in condizioni di svantaggio e per prevenire il lavoro sommerso: si chiama “Lavoro in Chiaro” ed e’ la sovvenzione presentata questa mattina dal presidente Renata Polverini e che, e’ stato calcolato, dovrebbe consentire l’inserimento di circa di 1000 persone attraverso assunzioni. “Con questo investimento – ha detto Polverini – vogliamo rimettere in moto l’occupazione in questa Regione, partendo dalle fasce più svantaggiate: gli over 50, i lavoratori disoccupati da più di 6 mesi, quelli a bassa scolarizzazione ed i disoccupati adulti soli con una o più persone a carico. E’ uno stanziamento importante – ha continuato – che mettiamo a disposizione di tutte le aziende, profit e non-profit, con l’obiettivo di far emergere il lavoro nero e di intervenire per mettere in sicurezza i luoghi di lavoro”.
“Il bando sarà presentato in tutte e 5 le province, – ha detto l’assessore regionale al Lavoro e alla Formazione Mariella Zezza – considerando che nel Lazio i lavoratori irregolari sono circa 270 mila, di cui oltre il 60% nella provincia di Roma e a seguire nelle province di Latina, Frosinone, Rieti e Viterbo”.
Nel dettaglio, i contributi saranno messi a disposizione dall’amministrazione attraverso un bando con scadenza al 30 settembre 2011. Ogni datore di lavoro potrà beneficiare da un minimo di 5 mila euro ad un massimo di 12 mila per persona assunta, secondo la tipologia di lavoratore assunto, a cui potranno anche essere affiancati voucher formativi post-assunzione di 2 mila euro.

Più informazioni su