Seguici su

Cerca nel sito

‘La vendemmia ha dato buoni frutti nonostante il calo’

La Cantina Sociale Cerveteri prende atto dell’approvazione del bilancio e va avanti

Più informazioni su

Il Faro on line – Durante un incontro a cui era presente anche il nuovo presidente del Consiglio d’Amministrazione De Carolis, i soci di Cerveteri e di Tarquinia hanno approvato il risultato d’esercizio riguardante l’annata 2009/2010, chiuso lo scorso maggio. Il bilancio era già stato approvato a maggioranza dal CdA, ma i soci di Tarquinia avevano inizialmente espresso voto contrario. Questa decisione è stata immediatamente sottoposta alla valutazione del Collegio Sindacale e informiamo che il bilancio redatto dal presidente De Carolis è stato approvato definitivamente.
“Inutile negare che siamo soddisfatti che il bilancio sia stato approvato e ringraziamo il nuovo Presidente, Mauro De Carolis, per il lavoro svolto in questo particolare periodo per la Cantina Sociale Cerveteri e speriamo che ora, a bilancio approvato, il miglioramento sia dietro l’angolo” queste le parole del responsabile locale della Lega della Terra, Lopes, che continua “ la Cantina Sociale Cerveteri è una delle D.O.C. più estese d’Italia per quanto riguarda il suo settore e la società ha sempre lavorato con passione per offrire il meglio delle produzioni vinicole ai suoi clienti, producendo vini tranquilli, frizzanti, spumanti, distillati e addirittura grappe”.
Per quanto riguarda la vendemmia, nonostante i lunghi tempi di attesa dovuti agli espianti effettuati, ha prodotto un ottimo vino come da tradizione: infatti, le vigne sono state colpite da un espianto remunerativo chiamato abbandono della superficie viticola remunerativa e da patologie fungine, ma nonostante la scarsità del prodotto finale, come spiega il Responsabile della Lega della Terra Cerveteri, Emanuele Lopes, “siamo orgogliosi della nostra vendemmia che, nonostante la stagione magra a causa dei motivi sopra elencati, ha tuttavia offerto un’ottima produzione. Noi però non dimentichiamo questa crisi, poiché ha rappresentato una perdita di molti quintali di uva nei fondi della Cantina Sociale”.
Nel corso degli anni la Cantina ha raggiunto altissimi livelli di produzione grazie a importanti progressi nei campi dell’innovazione tecnologica, impiantistica e ai 700 viticoltori che, grazie anche alla collaborazione di tecnici altamente specializzati, hanno portato alla crescita di questa importante azienda della provincia di Roma, che è diventata una delle più estese in tutto il territorio italiano.
Inoltre, a dicembre – come ogni anno – ci sarà la liquidazione dei soci e noi vogliamo che ai viticoltori sia garantita una liquidazione che li ripaghi ovviamente e giustamente per gli sforzi con cui hanno contribuito a quest’ultima vendemmia. Noi ci batteremo affinché la Cantina non sia costretta a chiudere i battenti, perché rappresenta un patrimonio culturale ed economico di centinaia di agricoltori e famiglie di Cerveteri le quali hanno investito il loro futuro.

Più informazioni su