Seguici su

Cerca nel sito

CasaPound scende in campo

La partecipazione ai tornei di calcio a 5 amatoriali per sponsorizzare mutuo sociale

Più informazioni su

Il Faro on line – Una squadra di calcio a 5 che parteciperà ai tanti tornei amatoriali che vengono organizzati ad Ostia e sul litorale. Al posto dello sponsor, sulle maglie dei giocatori ci sarà il logo del ‘mutuo sociale’, la proposta di legge che sancisce il diritto alla proprietà della casa, per risolvere l’emergenza abitativa. E’ questa la nuova idea di CasaPound Italia che sta pubblicizzando l’iniziativa su internet e che debutterà in un primo torneo che si disputerà nelle prossime settimane nel quartiere Madonnetta. “La nostra associazione, – ha dichiarato Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano – si è sempre distinta per battaglie sociali sul territorio, ma anche lo sport è un aspetto che non abbiamo mai sottovalutato. A Roma, una squadra di pallanuoto ed una di rugby sono sono strettamente legate alla nostra associazione. In questo caso siamo riusciti a convogliare lo sport con il sociale”. Tanti gli interessati ad indossare la maglia del ‘mutuo sociale’ ed anche se non ci sarà spazio per tutti, CasaPound ha già la soluzione. “Abbiamo ricevuto un gran numero di richieste – ha spiegato Antonio Mele, responsabile sportivo di Cpi sul litorale – e non escludiamo in futuro la creazione di nuove squadre amatoriali, in questo come in altri sport. Riteniamo lo sport un veicolo per mandare messaggi, oltre che l’incarnazione di tutta una visione del mondo attivistica e basata sul gioco di squadra, sullo spirito gerarchico, sull’allenamento fisico e interiore, sul combattimento, sul coraggio e sulla sfida. Con questo progetto – ha concluso Mele – ci prefiggiamo due scopi differenti: avvicinare i giovani allo sport con uno spirito sano e che possa trasmettere valori, ed allo stesso tempo diffondere la nostra proposta di legge del ‘mutuo sociale’ affinché una vera e propria piaga come quella dell’emergenza abitativa possa trovare una soluzione”.

Più informazioni su