Seguici su

Cerca nel sito

‘Trote: un inno alla vita’

Triestino e Pistoia raccontano lo spettacolo di cui sono interpreti al Teatro Manfredi di Ostia

Più informazioni su

Il Faro on line – Paolo Triestino e Nicola Pistoia sono due persone che amano la vita, il teatro ed il pubblico. Ed è proprio con il pubblico che in questi giorni i due, che di mestiere fanno gli attori, stanno condividendo l’incredibile ma “inevitabile” successo con lo spettacolo Trote, di scena al Teatro Nino Manfredi di Ostia.  Già sensibili interpreti di Ben Hur, Muratori e Grisù, Giuseppe e Maria stavolta il duo romano ha confezionato e regalato al pubblico un lavoro emozionante, coinvolgente, da non lasciarsi assolutamente sfuggire che affronta il tema della malattia stravolgendola in un inno alla vita con satira graffiante.
Trote è una commedia metropolitana, ambientata in una Roma  che è contemporaneamente protagonista e testimone di una vicenda sicuramente divertente dove però non mancano gli spunti di riflessione. Ne è autore Edoardo Erba, che ha scelto il collaudato duetto di attori per raccontare l’incontro tra due persone che insieme incideranno l’uno nella vita dell’altro. “E’ uno spettacolo che ci emoziona molto”, spiegano Triestino e Pistoia:  “era una scommessa molto grande riuscire a far sorridere su un tema, il tumore e dunque la malattia, così difficile che ci riguarda tutti. Il nostro desiderio”, proseguono, “era di comporre un inno alla vita. Alla  possibilità di godere appieno delle cose belle che la vita ci regala, senza complicarcela inutilmente. Speriamo di esserci riusciti, almeno in parte”, concludono, “continueremo a lavorarci in questi giorni, anche grazie alle risposte che il pubblico ci dà ogni sera. Che bello il teatro!”. Ed il pubblico, in questa terza settimana di rappresentazione, non manca di affollare sera dopo sera lo stabile di via dei Pallottini, grazie ad un instancabile passaparola. Ancora una volta, quindi, come nei precedenti lavori, si ride, e molto, ma contemporaneamente cuore e cervello “lavorano”. Ed in questo addormentamento generale, dove si tendono a mitizzare la banalità e la moda nel mondo dello spettacolo, i “nostri” sono assolutamente unici. Il tempo in teatro vola: un paio d’ore coinvolgenti. Ad affiancarli sul palco nel ruolo di Rossana un’attrice preparatissima, perfetta. La vicenda prende l’avvio un venerdì sera in un laboratorio di analisi che ha chiuso anche se l’infermiera, gentilissima, le consegna ugualmente. “Non lo dica a nessuno, mi raccomando”. Analisi che possono decidere il futuro. Un uomo che pesca sull’Aniene. Trote. Perché ormai sono rimaste solo quelle. Sullo sfondo Roma e la sua fretta. Roma ed i suoi figli di oggi. Roma ed i sogni di chi crede che una seconda possibilità nella vita ci sia sempre. Fino a domenica 24 ottobre. Trote di Edoardo Erba con Paolo Triestino e Nicola Pistoia. Teatro Nino Manfredi, via dei Pallottini, Ostia.
M.G.S.

Più informazioni su