Seguici su

Cerca nel sito

Benacquista-Moncada, conto alla rovescia

La squadra pronta alla sfida di sabato con il team agrigentino

Più informazioni su

Il Faro on line – Conferenza stampa questa mattina, giovedì 21 ottobre, al PalaBianchini di presentazione del match tra la Benacquista Assicurazioni Latina Basket e la Moncada Agrigento, in programma sabato 23 ottobre sempre al PalaBianchini alle ore 20.30. La sfida sarà diretta dai signori Luigi Gaudino di Nocera Inferiore (Salerno) e Dario Cilento di Napoli. Erano presenti due ex molto importanti, il coach Luca Corpaci e il playmaker, Emiliano Paparella. Prima di analizzare il match in questione, il coach è tornato sulla sfida di domenica scorsa a Massafra, una partita… “che abbiamo saputo interpretare nella maniera migliore e, giuro che lo dico per l’ultima volta, dimenticando completamente quanto accaduto alla prima di campionato a Ostuni. Siamo stati sempre avanti, ma attenzione: loro non hanno mai mollato la presa, provando più volte a rientrare in partita. Qualcuno – ha proseguito Corpaci – ha detto che abbiamo avuto una involuzione nel gioco, che abbiamo lasciato stare la soluzione dalla lunga distanza, provando a trovare i lunghi sottocanestro. Vorrei dire che di soluzioni noi ne abbiamo diverse, ma quando mi trovo con Soloperto, piuttosto che Rotondo, impossibilitati nell’essere serviti e sapendo di avere giocatori bravi ad attaccare il perimetro dalla lunga distanza, mi sembra ovvio che cerco di sfruttare questa soluzione per poter andare a canestro e vincere le partite. Una cosa è certa: dopo l’infortunio occorso a Villani e, quindi, con la necessità di fare oltremodo quadrato, ho visto un gruppo ancora più unito, pronto a rimboccarsi le maniche, cosciente delle difficoltà di dover lavorare, preparare le partite e giocarle, senza una pedina cardine e di assoluto valore come Christian. Ora, però, sarà importante dare continuità a questi risultati. Guai, dunque, ad abbassare la guardia perché il campionato ce lo insegna: non esistono partite facili. Basta dare un’occhiata ai risultati di ogni settimana, per farsene un’idea”. Poi spazio alla gara con Agrigento e ai ricordi. “La parentesi in Sicilia ha rappresentato qualcosa di importante per me – ha spiegato Corpaci – Ho vissuto il momento più bello della mia carriera, ma ora sono a Latina, in una piazza importante e in una società altrettanto importante e, dunque, anche i bellissimi ricordi dovranno essere messi da parte. Oggi sono a Latina e voglio vincere con questa squadra che, strada facendo, si sta plasmando sempre di più”. Dello stesso avviso, Emiliano Paparella: “I momenti trascorsi ad Agrigento, le due promozioni consecutive, i play off, sono qualcosa che porterò sempre nel mio cuore, ma oggi sono a Latina ed abbiamo necessità di dare un seguito a quanto di buono fatto nelle ultime tre partite. Di contro, però, dovremo stare molto attenti, perché loro arriveranno con il dente avvelenato dopo la brutta sconfitta interna contro Palestrina. Non sarà una partita facile, ma non ce ne sono in questo campionato. Quello che almeno sulla carta appare scontato, viene sistematicamente smentito dal parquet. L’esempio più lampante è proprio la vittoria di Palestrina, domenica scorsa, ad Agrigento”. Una Moncada che… “ha due lunghi importanti, pronti a fare la differenza sotto i tabelloni. Ma noi – ha concluso Corpaci – non siamo certamente da meno e abbiamo tutte le qualità per poter fare la differenza lì sotto. L’importante, e non mi stancherò mai di ripeterlo, sarà non abbassare mai la guardia, partire con il piede giusto consapevoli che ci attende un impegno molto importante e duro”.

Più informazioni su