Seguici su

Cerca nel sito

Ferrovia, focus sugli interventi urgenti

Al centro dei progetti del Comune la copertura della linea aerea

Più informazioni su

Il Faro on line – Il progetto sulla copertura della linea area ferroviaria – tra la galleria di Castellone ed il fabbricato dell’ex ufficio lavori della stazione FS di Formia – sarà al centro di un incontro tecnico-amministrativo, che una delegazione del Comune di Formia terrà  presso il Comune di Civitavecchia nella mattinata di venerdì 29 ottobre. In quella occasione gli amministratori di Formia incontreranno l’assessore alle opere pubbliche di Civitavecchia Enrico Zappacosta ed il dirigente del settore ing. Giulio Iorio. L’incontro servirà  per acquisire elementi di conoscenza sulle procedure progettuali e finanziarie che hanno riguardato un  intervento di grande portata strutturale e finanziaria per la città di Civitavecchia. La visita servirà anche per fare un dettagliato sopralluogo all’infrastruttura realizzata, un’opera imponente considerata tra le più importanti d’Italia. Recuperare la superficie area di un esercizio ferroviario che divide il tessuto territoriale in due parti significa concretizzare il sogno di far nascere una città nella città.
A Civitavecchia – una città divisa in due come Formia dal passaggio della ferrovia  – tutto ciò è diventato realtà. La copertura della trincea FS ha interessato i binari della linea Roma-Torino riqualificando e sviluppando un segmento urbano all’insegna dell’innovazione e dell’ integrazione sociale ed architettonica. Il progetto realizzato dal governo cittadino di Civitavecchia si sviluppa per una lunghezza di 480 metri e per una larghezza media di circa 25 metri. L’importo complessivo di quell’opera è stato quantificato i 16 milioni di euro finanziato dall’accordo di programma quadro n°4. Fondi europei che sono serviti a creare una grande  opera pubblica al servizio della città.
“Formia ha bisogno di recuperare gli spazi al centro città – afferma il sindaco Forte – per decongestionare tutta le rete di viabilità urbana, incrementare i servizi di  sosta, istituire i capolinea dei bus, creare nuove connessioni viarie e pedonali, disegnare spazi verdi attrezzati, una pista ciclabile, illuminazione ed arredo urbano, il tutto ricercando l’unitarietà  paesaggistica e la valorizzazione urbanistica dell’insieme.  Un trincerato di copertura per una lunghezza all’incirca di 300 metri che si svilupperebbe partendo dalla piazza di Castellone e non comporterebbe alcun impatto ambientale in quanto l’intervento coprirebbe la linea area ferroviaria a livello di via Pasquale Testa”.

Più informazioni su