Seguici su

Cerca nel sito

Addio al polpo Paul

Il Faro on line - Una notorietà, conquistata durante il Mondiale sudafricano, che non gli ha certo portato bene. Il polpo Paul, diventato il simbolo e il beniamino della rassegna iridata di questa estate grazie ai suoi "pronostici" infallibili, è morto. Lo ha reso noto nella mattinata di martedì l'acquario tedesco di Oberhausen, dove viveva.

Non sbagliava davvero un colpo il simpatico mollusco, otto previsioni su otto azzeccate prima del gran finale, con le gemme nel momento clou del torneo, dopo aver predetto la vittoria della Germania contro l'Uruguay nella finalina di consolazione, si era ripetuto indovinando il successo della Spagna nell'ultimo atto di Johannesburg contro l'Olanda di Sneijder. Ai suoi... connazionali aveva però riservato anche un dispiacere in semifinale, dandoli per spacciati, come puntualmente verificatosi, alla vigilia della sfida con le Furie Rosse. In precedenza aveva accompagnato il Wunderteam nei successi contro Inghilterra e Argentina, e gli era stata perdonata la "gufata" iniziale, rivelatasi azzeccata, con la Serbia. Poi, a dire il vero, nel paese c'era stato anche chi lo avrebbe voluto friggere in padella, con le immancabili kartoffeln, come ringraziamento per avere spedito, col suo vaticinio, gli iberici e non gli uomini di Loew a giocarsi il titolo.

Proprio nell'ultima giornata della Coppa del mondo era arrivato il colpo di scena: Paul era italiano. La Bild aveva infatti rivelato che l'animale, che ai tempi aveva quattro mesi, era stato pescato nelle acque dell'Isola d'Elba, smentendo chi diceva che era lo stesso polpo che aveva predetto, erroneamente, la vittoria della Germania sulla Spagna nella finale degli Europei di due anni fa.

Più informazioni su

Più informazioni su