Seguici su

Cerca nel sito

‘Prostituzione senza freni, ora di agire’

L’appello di Walter Giustini di Generazione Italia-Fli

Più informazioni su

Il Faro on line – La nostra città è sempre più in declino. Oltre ai problemi di ambiente, che come ho appreso dalla stampa locale, la nostra Amministrazione Comunale sta finalmente ponendo un rimedio, c’è il problema criminalità. a parlare è Walter Giustini, di Generazione Italia/FLI di Ardea. “Sino a qualche anno fa ho sempre sottolineato come ad Ardea, a differenza dei comuni limitrofi, il problema prostituzione era del tutto assente o comunque era stato risolto sul nascere – aggiunge – Oggi, però. mi devo ricredere totalmente. Lo spettacolo a cui si assiste sia di giorno che di notte fa riflettere su come oramai il nostro territorio è privo di ogni controllo. Nella zona di Via Campo Selva stanziano oramai da tempo le prostitute di origini africane, mentre sulla litoranea nel tratto che va da Tor San Lorenzo a Lido dei Pini possiamo trovare le new entry provenienti dai Paesi dell’Est. Tutto ciò non si può più tollerare: e passi l’esiguo numero delle forze di polizia operanti sul territorio, e passi la mancanza di risorse economiche da destinare al problema sicurezza, ma non si può non sottolineare lo scarso interesse per il problema. Così non si cresce ma si regredisce. La prostituzione, da che mondo è mondo è una delle risorse di guadagno maggiore della malavita e se il problema non viene affrontato all’origine non si fa altro che permettere alla criminalità di insediarsi stabilmente nella nostra città, con tutto quello che ciò poi comporterà. Mi appello alle Autorità preposte affinchè si adoperino, anche facendo un ulteriore sforzo, a non permettere che ciò accada, poiché, in caso contrario, il tutto ricadrà su tutti noi cittadini che da anni invochiamo una maggiore attenzione sul tema sicurezza. Vogliamo, anzi pretendiamo, di poter dire con orgoglio di vivere ad Ardea, città sicura e decorosa, e non vergognarci per paura di sentirci rispondere di essere cittadini di un paese oramai allo sbando!!!”.

Più informazioni su