Seguici su

Cerca nel sito

“Disoccupazione, dati illusori”

L’intervento del consigliere Michela Califano

Più informazioni su

Il Faro on line – “I toni trionfalistici snocciolati dal sindaco questa mattina, durante i festeggiamenti per il diciannovesimo compleanno del Comune di Fiumicino, sono illusori e lontani dalla realtà. Fiumicino uno dei comuni con il più basso tasso di disoccupazione? Un dato che trovo difficoltà da riscontrare. I 1200 cassintegrati dell’indotto aeroportuale, di cui il 50 per cento residenti a Fiumicino, sono compresi in questi numeri? Oppure il fatto stesso che siano in CIG permette loro di non essere ancora inclusi in questa casella?
Come mai se a Fiumicino stiamo meglio rispetto ad altri comuni, abbiamo meno disoccupati, le famiglie non riescono a pagare con la regolarità prevista dal regolamento comunale il servizio mensa o il trasporto scolastico? Perché l’amministrazione ha un ingente passivo che pesa sulle casse comunali, tanto da far circolare insistenti voci su possibili nuovi aumenti, dopo quelli dello scorso anno? Se chi non paga è solo furbo, visto che a Fiumicino la disoccupazione non esiste, perché non si predispone un atto amministrativo di precetto per far pagare chi non l’ha fatto?”
“Disoccupazione? E i docenti? Quella categoria mal pagata e non riconosciuta come dovrebbe, che questo Governo sta uccidendo giorno dopo giorno. Circa 19.700 cattedre in meno per la stagione 2011-2012 (dati Miur), 87.400 posti soppressi alla fine del triennio 2009-201, un esercito. A Fiumicino non ne esistono? Non ci si può continuamente riempire la bocca con concetti astratti, tra i più in voga ‘giovani risorsa del futuro’, e poi tagliare sulla loro istruzione che deve essere pubblica, libera e democratica”.
“Ma se le parole non bastassero, ancor più incomprensibile l’atteggiamento di un’amministrazione che nella prima ricorrenza ufficiale festeggiata senza Giancarlo Bozzetto, ha completamente ignorato la figura del primo sindaco eletto dai cittadini di Fiumicino. Per i suoi familiari, nemmeno invitati, nessuna targa, nessun riconoscimento, nessun cenno che testimoniasse l’affetto che tuttora i cittadini nutrono verso il sindaco, se non quello doveroso e sentito del presidente del consiglio comunale, Mauro Gonnelli. Evidentemente anche ora che non c’è più, Giancarlo continua a dar fastidio, ingombrante nella sua figura che appanna chi non è mai riuscito a brillare di luce propria”.

Michela Califano (Consigliere comunale Partito democratico)

Più informazioni su