Seguici su

Cerca nel sito

“Lavoriamo su progetti cantierabili in due anni”

Leccese (Pdl): “La macchina amministrativa è completamente allo sbando”

Più informazioni su

Il Faro on line – “Ci risiamo. L’Amministrazione Raimondi è ancora nell’occhio del ciclone. Il Consiglio comunale è bloccato da mesi e a stento riesce a deliberare solo atti dovuti. La maggioranza decide di disertare tutte le sedute convocate nel timore di non avere i numeri sufficienti per approvare i punti posti all’ordine del giorno in prima convocazione. Da un anno manca l’assessore all’Urbanistica ed oggi un altro assessore, Salvatore Ferro, abbandona la squadra di Raimondi. Non è questo un chiaro segno del fallimento che noi denunciamo da tempo?”.

Questo l’interrogativo che il coordinatore cittadino del Pdl gaetano Cristian Leccese formula sulla base delle ultime vicende politico-amministrative che “denotano la situazione di stallo in cui si dimena l’Amministrazione Raimondi. A ciò Leccese aggiunge anche il fatto che “Il nome della città viene spesso umiliato e deriso da alcune affermazioni eccessivamente personalistiche dell’Assessore Antonio Ciano sul quale il Sindaco tace: evidentemente o non ha la forza di imporre una sua posizione più equilibrata o accetta passivamente senza batter ciglio le esternazioni del suo assessore, condividendone i contenuti. La macchina amministrativa è completamente allo sbando: ancora non viene approvato il rendiconto del 2009, non c’è traccia del bilancio preventivo 2011 e tutti i problemi della città sono ancora irrisolti”.

“La notizia di una crisi politica interna alla maggioranza non lascia sorpresi i militanti ed i sostenitori del Pdl. Non è solo il chiaro sintomo che l’esperienza politica di Raimondi e della sinistra è fallita, ma anche che c’è una gran voglia di abbandonare la barca che affonda. Insomma, una situazione drammatica su cui il Pdl chiamerà gli elettori a riflettere”.

“Per recuperare gli anni persi e rimettere in moto la città – sottolinea Leccese – pensiamo a progetti mirati immediatamente cantierabili che possano dare nell’arco di due anni risposte concrete ed avviare un ciclo virtuoso per l’economia cittadina. È importante partire dal rilancio dell’economia locale programmando alcuni investimenti ed azioni amministrative mirate non solo al turismo ma anche all’artigianato, ai servizi ed al commercio. È poi indispensabile prendersi carico dei vari problemi sociali della città, ad incominciare dal problema della residenzialità e dei servizi. Infine bisogna immediatamente rimettere in sesto la macchina comunale per affrontare le sfide del futuro. Su queste linee stiamo lavorando per affinare progetti che possano essere realizzati nell’arco di qualche anno dall’elezione della nuova amministrazione, e questo perché intendiamo sottoporre ai cittadini non più le solite chiacchiere ma progetti ed idee concrete per rilanciare la città”.

Più informazioni su