Seguici su

Cerca nel sito

“Quei manifesti sono pieni di bugie”

Il sindaco che ha tranquillizzato i cittadini in merito alle false notizie sull’arrivo di 900 profughi

Più informazioni su

Il Faro on line – “I manifesti apparsi questa notte sulle mura di Ladispoli riportano notizie totalmente false e destituite di ogni fondamento. Sono attacchi vergognosi e calunniosi sui quali i carabinieri hanno già aperto una inchiesta”.
A parlare è il sindaco Crescenzo Paliotta che ha tranquillizzato i cittadini in merito alle false notizie sull’arrivo a Ladispoli di 900 profughi provenienti dalla Libia e dalla Tunisia, così come riportato su alcuni manifesti, affissi da ignoti nelle strade del centro cittadino.
“I manifesti oltre a diffondere gravi bugie – dice Paliotta – sono un vero e proprio attacco personale nei confronti di alcune persone, come il Direttore del Gazzettino di Ladispoli Roberto Turbitosi, che peraltro nemmeno ricoprono incarichi esecutivi in seno all’amministrazione comunale.  E’ palese come dietro questo fandonie ci sia il tentativo di colpire altre realtà, compresa la Caritas Diocesana, che svolge un lodevole ruolo di assistenza a favore delle categorie più deboli del territorio, oppure il Consorzio di San Nicola che da tanti anni svolge un ruolo prezioso. Quando si arriva a strumentalizzare una vicenda tragica come la guerra per motivi palesemente politici, è segno che qualcuno non ha più argomenti validi da proporre. L’amministrazione comunale esprime solidarietà alla Caritas Diocesana ed alle persone infamate dai manifesti anonimi ed è pronta a collaborare con le indagini fornendo ai carabinieri i filmati delle telecamere di sicurezza che potrebbero aver ripreso gli ignoti autori del vile volantinaggio”.
Il sindaco Paliotta ha colto l’occasione per confermare come non è previsto l’arrivo di alcun profugo della guerra di Libia a Ladispoli ed in tutto il territorio.

Più informazioni su