Seguici su

Cerca nel sito

Antenna di via Bonucci in Commissione Sicurezza

Zaccaria: “Non vogliamo restare a guardare”

Più informazioni su

Il Faro on line – Si è riunita questa mattina la Commissione Sicurezza del XIII Municipio. All’ordine del giorno, la situazione relativa agli impianti di telefonia mobile di passata e recente installazione. Presenti alla riunione anche i rappresentanti del Dipartimento della Programmazione e Attuazione Urbanistica di Roma Capitale e una rappresentanza del comitato cittadino spontaneo di via Bonucci ad Ostia Antica, e una delegazione dei residenti di viale della Vittoria ad Ostia. 
“Davanti a queste tematiche l’amministrazione non resta a guardare- ha spiegato Luigi Zaccaria (nella foto a sinistra), Presidente Commissione Sicurezza XIII Municipio – si è trattato di una discussione molto costruttiva, a cui ha preso parte anche il Presidente Vizzani. Tra tutti gli interlocutori si è delineata una linea comune, vale a dire di individuare sempre un unico e medesimo percorso coinvolgendo tutte le parti in causa, senza far ricadere sull’amministrazione locale, il carico delle responsabilità altrui. L’impegno della Commissione è quello di portare un documento all’attenzione del Consiglio del XIII Municipio, che preveda una mappatura di tutte le antenne di telefonia mobile del territorio, con i relativi dati dell’inquinamento da elettrosmog. A breve – ha concluso Zaccaria- sarà anche inviata una nuova lettera al Dipartimento della Programmazione e Attuazione Urbanistica e al Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde di Roma Capitale per l’immediata presa in carico delle centraline di monitoraggio dell’inquinamento elettromagnetico in viale della Vittoria”. 

“E’ nostro compito – ha affermato Cristiano Rasi (nella foto a destra), Presidente Commissione Ambiente XIII Municipio – prendere esempio da cittadini che con grande civiltà costruiscono con noi la strada da percorrere per tutelare i loro diritti. Ritengo importante scrivere un documento di consiglio che sia finalmente efficace, al fine anche di realizzare la mappatura dei luoghi sui quali poter erigere le antenne per garantire lo sviluppo della rete telefonica senza ridurre la tutela della salute dei cittadini e della loro qualità della vita. Anche questa volta, non ci limiteremo a enunciare semplici promesse ma andremo oltre, cercando di risolvere un problema che va avanti da troppo tempo”.

Più informazioni su