Seguici su

Cerca nel sito

“Condono edilizio, più efficienza e maggiori ricavi. Il resto sono polemiche”

L'assessore Boccaccini replica alle dichiarazioni del consigliere Pd Michela Califano

Più informazioni su

Il Faro on line – “Leggo con piacere che la Consigliera Michela Califano si tiene aggiornata in merito a quanto questa Amministrazione già da diversi mesi si sta adoperando a fare ovvero esternalizzare il servizio del Condono Edilizio”. E’ l’incipit di un comunicato arrivato alla nostra redazione a firma dell’assessore Boccaccini. “In effetti – è scritto nel comunicato – è da tempo che stiamo predisponendo delle misure ad hoc al fine di portare fuori dagli uffici del nostro comune, già oberati da una mole di lavoro esorbitante, il condono edilizio. L’obiettivo che ci poniamo è quello di offrire un servizio ai nostri concittadini quanto più efficiente ed immediato e al contempo evitare di sobbarcare questa amministrazione di nuove spese e garantire un introito certo e sicuro derivante dal pagamento degli oneri concessori. L’obiettivo è quindi duplice: da un lato raggiungere una maggiore efficienza e snellita del servizio dall’altro maggiori ricavi derivanti dagli oneri utilizzabili per nuove opere pubbliche.
Le parole che si riferiscono inoltre alla politica del Governo – prosegue Boccaccini – mi fanno sorridere: le ricette di politica Economica non sono sempre delle panacea per i cittadini di un paese ma fanno parte di una contabilità che deve essere sviluppata utilizzando dei criteri soprattutto di lungimiranza; in una fase di congiuntura economica così difficile sarebbe demagogico e politicamente scorretto aumentare ancor di più la spesa pubblica poiché non più sostenibile. Se vogliamo rimanere nel sentiero di crescita dell’Unione Europea, all’interno dei vincoli di bilancio, e raggiungere paesi come Germania e Francia allora non possiamo che abbracciare le scelte del governo; altrimenti se il fine dell’attività politica deve essere quella di un maggior consenso solamente aumentando la spesa pubblica allora ben venga la critica della Califano ma che si preoccupi poi di assumersi questa responsabilità specie in questo momento, dove paesi come Irlanda, Grecia, Portogallo e Spagna, che hanno per l’appunto sperimentato ricette affini a quella che suggerisce la nostra Consigliera oggi ne stanno pagando tutte le conseguenze”.

Più informazioni su