Seguici su

Cerca nel sito

“Potate gli alberi in via Carlo Albizzati”

E' la richiesta che il comitato di quartiere Bagnoletto fa al XIII Municipio

Più informazioni su

Il Faro on line – Il Comitato di quartiere di Bagnoletto il giorno 14 aprile 2011, ha presentato al Presidente del XIII Municipio e all’Assessore alle Politiche Ambientali, Sport e Turismo del XIII Municipio, la richiesta di potatura alberi e pulizia area sottostante in Via Carlo Albizzati. “Questo comitato di quartiere,sollecitato dai residenti – dicono i portavoce del comitato – fa rilevare, in tema di viabilità, il problema della scarsa visibilità determinatasi negli incroci di tutte le strade che si immettono su Via Carlo Albizzati. Il problema è generato dai rami degli alberi (eucalipto) che risultano troppo bassi – sottolineano poi – Tale circostanza impedisce la visuale ai veicoli in transito vanificando addirittura la presenza dei lampioni che nascosti dai rami stessi perdono la funzione per cui sono stati installati. A questo si aggiunge anche la vegetazione risultante alla base degli stessi alberi e lungo tutta la carreggiata che, riducendo la larghezza della stessa, abbassa significativamente il livello di sicurezza necessaria. Alla luce di queste criticità e considerato che Via Carlo Albizzati abbraccia la metà del perimetro di Bagnoletto e per tale ragione risulta, in assoluto, l’arteria più percorsa da tutti i mezzi che devono raggiungere qualsiasi angolo del quartiere abbiamo  chiesto l’intervento del Municipio.”
I portavoce del comitato ricordano che:”La disponibilità di fondi necessari  alla manutenzione dei parchi, potatura alberi, ecc. per un ammontare complessivo di 300 mila euro, è stata dichiarata dall’Assessore alle politiche Ambientali, in un’intervista rilasciata, all’emittente locale DragonaTV questo ci ha spinto a richiedere l’idonea potatura degli alberi e la necessaria pulizia dell’area sottostante, in tutta la via Carlo Albizzati al fine di consentire la necessaria visibilità sia di giorno, sia di notte, a garanzia della sicurezza.”

Più informazioni su